Respirate a pieni polmoni (o quasi), siete a Viterbo

Respirate a pieni polmoni (o quasi), siete a Viterbo

Il rapporto annuale di Legambiente sulla qualità dell'area nei capoluoghi di provincia ci racconta che Viterbo non ha mai superato il livello di soglia di Pm 10.

ADimensione Font+- Stampa

Il rapporto annuale di Legambiente sulla qualità dell’area nei capoluoghi di provincia ci racconta che Viterbo non ha mai superato il livello di soglia di Pm 10. 

La maglia nera nel Lazio è invece toccata a Frosinone, con uno sforamento dei limiti consentiti in ben 85 giorni. Risultando addirittura la seconda città d’Italia, dopo Torino, più inquinata. Seguita al terzo posto da Milano. Rimanendo nel Lazio: Rieti ha superato il limite di guardia sei volte, mentre Latina in tre giorni. A Roma nel 2016 il livello di guardia è stato superato 13 volte sulla Tiburtina, 10 a largo Preneste e in Via Magna Grecia, ed 8 giorni a Corso Francia.

Questi i dati di ‘Mal’Aria di città 2016’.