Renzi nella Tuscia: “Si impara più da due ore a Civita Castellana che chiusi nelle stanze tradizionali”

Renzi nella Tuscia: “Si impara più da due ore a Civita Castellana che chiusi nelle stanze tradizionali”

“Si impara più due ore a Fara Sabina o Civita Castellana – ha detto Renzi – che a stare chiusi nelle stanze tradizionali”.

ADimensione Font+- Stampa

Matteo Renzi è stato ieri a Civita Castellana. Il ritorno dell’ex premier nella provincia di Viterbo dopo pochi giorni dalla visita a Bagnoregio per la convention liberal dei democratici. Il segretario nazionale del Partito Democratico è il promotore della campagna “Destinazione Italia” con la quale intende raggiungere gran parte delle provincie italiane. Il treno partito ieri ha toccato 3 regioni. Seconda tappa del tour, dopo Fara Sabina, è stata Civita Castellana. Poi è stata la volta dell’Umbria e delle Marche con Narni, Spoleto e Fano. “Si impara più due ore a Fara Sabina o Civita Castellana – ha detto Renzi – che a stare chiusi nelle stanze tradizionali”.

Renzi ha visitato il distretto di Civita Castellana, uno dei più colpiti dalla crisi iniziata dieci anni fa. Nonostante questo il distretto ceramico sembra essere in ripresa ed è lungamente il principale del settore in Italia. La ripresa però non ha ancora riportato i fatturati ai livelli del pre-crisi quando si aggirava intorno ai 450 milioni di euro. Dopo una piccola ripresa si assesterebbe intorno a circa 360 milioni di euro. Almeno da quanto riportato dal segretario provinciale del Pd Andrea Egidi.

Attualmente i lavoratori coinvolti nel distretto sono 2100 e a questo si possono aggiungere circa 1100 lavoratori coinvolti nell’indotto, per un totale di 3200 lavoratori. “Le ragioni della scelta su Civita Castellana sono queste, dare il senso non solo di una vicinanza ma dell’attenzione vera del Pd su esperienze come questa che hanno lottato e lottano”.

Ad attendere Matteo Renzi questa mattina a Civita Castellana, tra gli altri il vicesindaco di Viterbo Luisa Ciambella insieme all’assessore Sonia Perà, i deputati Giuseppe Fioroni e Alessandro Mazzoli e il sindaco della cittadina Gianluca Angelelli, quello di Blera Elena Tolomei e i due candidati alla segreteria provinciale Andrea Egidi e Manuela Benedetti. Presente in forze anche il Partito Democratico di Civita Castellana con il capogruppo Paolo Aleandri e il segretario Simone Brunelli.