Registrazione dei figli di coppie gay, Erbetti: “Accada anche a Viterbo”

Registrazione dei figli di coppie gay, Erbetti: “Accada anche a Viterbo”

Erbetti ha commentato così la notizia della registrazione all'anagrafe da parte del Comune di Torino, dove l'amministrazione è guidata dal Movimento 5 Stelle, di un figlio di una coppia di due donne. 

ADimensione Font+- Stampa

“Faremo in modo che accada anche a Viterbo”. Massimo Erbetti, candidato sindaco alle elezioni di Viterbo per il Movimento 5 Stelle stuzzicato da alcuni utenti su Facebook, ha commentato così la notizia della registrazione all’anagrafe da parte del Comune di Torino, dove l’amministrazione è guidata dal Movimento 5 Stelle, di un figlio di una coppia di due donne. 

Un fatto non solo simbolico, perché le due donne ora sono formalmente le due mamme del figlio. Un riconoscimento che riconosce “pieni diritti al bambino e pieni doveri ai genitori – hanno commentato le due donne – in modo armonico con i principi costituzionali e della Carta Europea dei Diritti. Speriamo – hanno aggiunto – che si colmi la lacuna: siamo uno dei pochi paesi in Europa rimasta senza la previsione leglislativa della piena tutela dei bambini delle famiglie omogenitoriali”. 

Un dato molto delicato proprio all’indomani della nascita del Governo giallo-verde che ha previsto al Dicastero dedicato alle politiche familiari, un ultra-conservatore Lorenzo Fontana che in una intervista al Corriere della Sera ha negato l’esistenza delle famiglie omosessuali, perché non previste dalla legge.

Erbetti però ha le idee chiare su questo. “Condivido la scelta fatta da Torino e nel momento in cui saremo in amministrazione faremo in modo che accada anche a Viterbo”. Ha commentato.

https://www.facebook.com/massimo.erbetti/posts/10212114192955721