Regione Lazio, Zingaretti pronto a correre per il bis: “Vincere e governare bene”

Regione Lazio, Zingaretti pronto a correre per il bis: “Vincere e governare bene”

Si apre anche la partita del listino del presidente, strumento per entrare in consiglio in caso di vittoria di Zingaretti. E lo stesso presidente uscente ha difeso la decisione di mantenere in vigore il listino: "Penso che il listino sia uno strumento al servizio della discontinuità per andare oltre i confini tradizionali della rappresentanza nelle forme organizzate della politica".

ADimensione Font+- Stampa

“Sono in campo a disposizione. Sono pronto a rilanciare una grande sfida che ricostruisca una maggioranza più larga e plurale”. Firmato Nicola Zingaretti. Per lui la ricandidatura alla guida della Regione Lazio, ufficializzata dallo stesso di Zingaretti durante la direzione regionale del Pd del Lazio al Nazareno.

Direzione che ha approvato all’unanimità la ricandidatura. Approvata anche la relazione dello stesso governatore e del segretario regionale Pd Fabio Melilli; che ha spiegato che nei prossimi giorni organizzerà un tavolo di sintesi con il gruppo consiliare della Pisana, alla presenza del presidente stesso.

Si apre anche la partita del listino del presidente, strumento per entrare in consiglio in caso di vittoria di Zingaretti. E lo stesso presidente uscente ha difeso la decisione di mantenere in vigore il listino: “Penso che il listino sia uno strumento al servizio della discontinuità per andare oltre i confini tradizionali della rappresentanza nelle forme organizzate della politica”.

Ha poi aggiunto: “Possiamo utilizzare il listino per metterlo al servizio dell’ampliamento dell’identità della coalizione. Oltre a vincere dobbiamo anche governare bene. Occorre una omogeneità della maggioranza contro i rischi di un sistema puramente proporzionale, di una frammentazione eccessiva che poi peserebbe sulla qualità del governo”.