Regione Lazio, Pirozzi sempre più vicino alla candidatura: “Io inesperto? Rispondo con i miei 22 anni da amministratore”

Regione Lazio, Pirozzi sempre più vicino alla candidatura: “Io inesperto? Rispondo con i miei 22 anni da amministratore”

Bisognerà attendere il voto in Sicilia di questo weekend, poi i partiti di centrodestra intensificheranno il dialogo e le trattative e decideranno anche il candidato alla presidenza della Regione Lazio. Sergio Pirozzi è lì. Non si sbilancia, non ascolta "le sirene" e va dritto per la sua strada.

ADimensione Font+- Stampa

Bisognerà attendere il voto in Sicilia di questo weekend, poi i partiti di centrodestra intensificheranno il dialogo e le trattative e decideranno anche il candidato alla presidenza della Regione Lazio. Sergio Pirozzi è lì. Non si sbilancia, non ascolta “le sirene” e va dritto per la sua strada.

Lo danno come il favorito. E c’è chi pensa che qualora nel centrodestra non si trovasse la quadra potrebbe esserci anche qualche sorpresa da parte del sindaco di Amatrice. In questo senso è imperdibile una sua intervista rilasciata a RomaToday.

“Non mi interessano i partiti, contano solo le persone”. Ha risposto al giornalista incalzante. Ma è ancora più significativa la risposta a un’altra domanda: E a chi sostiene che non ha sufficiente esperienza politica per una macchina regionale complessa come il Lazio?.

Ecco come ha replicato Pirozzi: “Rispondo con i miei 22 anni da amministratore. E comunque tanti uomini capaci provenienti dalla società civile si sono ritrovati ad avere incarichi politici di responsabilità. Glielo ripeto, contano le persone, la loro passione, le loro idee”.

 

LEGGI L’INTERVISTA INTEGRALE A ROMATODAY