Regionali Lazio, Berlusconi da Vespa: “Troveremo la migliore sintesi sul candidato come in Sicilia con Musumeci”

Regionali Lazio, Berlusconi da Vespa: “Troveremo la migliore sintesi sul candidato come in Sicilia con Musumeci”

Regionali nel Lazio, il centrodestra in fermento sul candidato a presidente. Dopo lo scatto in avanti del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, che nel giorno della sua visita a Viterbo ha annunciato di voler essere della partita, la parola passa ai partiti di centrodestra.

ADimensione Font+- Stampa

Regionali nel Lazio, il centrodestra in fermento sul candidato a presidente. Dopo lo scatto in avanti del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, che nel giorno della sua visita a Viterbo ha annunciato di voler essere della partita, la parola passa ai partiti di centrodestra.

I conoscitori dei dietro le quinte parlano di una situazione di grossa criticità sulla prospettiva Pirozzi governatore all’interno di Forza Italia. Sarebbe proprio il partito azzurro il maggiore “guastatore” di una convergenza dei partiti di centrodestra su Pirozzi. C’è chi è pronto a giurare che però Pirozzi avrebbe incassato, tempo fa, il nulla osta di Berlusconi in persona. Ma poi lo stesso leader si sarebbe trovato alle prese, e il nodo non è stato evidentemente ancora sciolto, con una forte resistenza dei colonnelli laziali di Forza Italia e in modo particolare di Antonio Tajani.

Nella serata di ieri Silvio Berlusconi, protagonista di una lunga intervista a Porta a Porta, ha glissato la domanda diretta sulle regionali del Lazio posta da Bruno Vespa. “Nel Lazio troveremo la migliore sintesi sul candidato, ricalcando il modello che ci ha portato a vincere in Sicilia con Nello Musumeci“.

Segno evidente che il confronto dialettico sul prossimo candidato governatore dell’area non è ancora definito e che sono in ballo, al momento, diverse prospettive. Anche diverse dal sostegno a Sergio Pirozzi.