Referendum, Bobo Craxi a Blera: “Questa riforma un passo indietro per tutti”

Referendum, Bobo Craxi a Blera: “Questa riforma un passo indietro per tutti”

Bobo Craxi nel Viterbese, precisamente nella Sala San Nicola di Blera, per sostenere le ragioni del No al referendum del 4 dicembre.

ADimensione Font+- Stampa

Bobo Craxi nel Viterbese, precisamente nella Sala San Nicola di Blera, per sostenere le ragioni del No al referendum del 4 dicembre.

“Questa riforma sarebbe un passo indietro per tutti, toglierebbe solo sovranità ai cittadini, unita alla legge elettorale consegnerebbe anche a una maggioranza striminzita, magari ad un uomo solo, il potere nel nostro paese. Per me si tratta di una via di uscita dispotica, approntata ad hoc, alla crisi del sistema democratico che c’è e non si può negare.

Renzi ha solo accelerato questa crisi, non ne ha risolto in radice i problemi”. Parole di Bobo Craxi, il cui tour nazionale in difesa della Costituzione (“un patrimonio da salvare”) a favore del NO al referendum continua in questi giorni per poi approdare in Tuscia sabato 19 novembre alle ore 18 a Blera, alla Sala San Nicola, in pieno centro storico.

“Se vincesse il No – tiene a precisare Craxi – non succederebbe nessuna catastrofe, sarebbe solo un motivo per noi per continuare a riflettere su quanto è necessario fare, snellire e riformare dove possibile: basterebbe mettere mano ai regolamenti parlamentari e, per quanto riguarda le regioni, non sottrarre loro la legittima responsabilità di rappresentare i cittadini nei territori”.

“Se la democrazia occidentale, come suddetto, è in crisi, tocca agli eredi di grandi tradizioni politiche democratiche fare da argine all’avventurismo e alla demagogia che avanzano e anche le presidenziali negli Stati Uniti hanno evidenziato. Non è un caso che si oppongono a questo referendum molti componenti della sinistra democratica e riformista italiana”.

L’incontro di sabato a Blera sarà condotto dal giornalista Pasquale Bottone e vedrà la partecipazione di Massimo e Luca Torelli in quanto responsabili dell’omonima lista civica schierata per il NO al referendum.