Reddito di cittadinanza, le opinioni dei partecipanti alla marcia Cinque Stelle Perugia-Assisi

Reddito di cittadinanza, le opinioni dei partecipanti alla marcia Cinque Stelle Perugia-Assisi

Molti viterbesi, simpatizzanti e attivisti del Movimento Cinque Stelle, hanno partecipato alla marcia Perugia-Assisi per chiedere il “reddito di cittadinanza” lo scorso sabato.

ADimensione Font+- Stampa

Molti viterbesi, simpatizzanti e attivisti del Movimento Cinque Stelle, hanno partecipato alla marcia Perugia-Assisi per chiedere il “reddito di cittadinanza” lo scorso sabato.

Anche il Movimento 5 Stelle di Viterbo, insieme a vari Meetup della provincia, con attivisti e simpatizzanti, ha partecipato alla marcia che si è svolta fra Perugia ed Assisi per sensibilizzare l’opinione pubblica sul ”Reddito di cittadinanza”.

Ecco alcuni pareri raccolti dai militanti viterbesi tra i partecipanti. “Il reddito di cittadinanza è in varie forme attuato in molti paesi EU. La proposta di Legge, diversamente dalle ridicole promesse di altre forze politiche, è seria ed ha le coperture finanziarie. Ha infatti avuto la bollinatura della ragioneria di Stato. I disoccupati possono contare su un reddito fisso, garantendo delle ore alla comunità e vengono loro proposti lavori dagli uffici competenti. Lavori di ogni genere che il disoccupato può non accettare per due volte. Alla terza è evidente che non gli interessa lavorare e perde il reddito di cittadinanza. Con il reddito i cittadini non saranno più esposti al ricatto occupazionale che ha sempre contraddistinto l’operato dei partiti politici. I cittadini saranno liberi, anche di informarsi. E un cittadino informato non può che votare M5S”. Commenta Carlo Pizzoni, attivista del Meetup di Viterbo.

“Una marcia del silenzio che per la sua partecipazione vuol sollevare una dignità persa da molti uomini e donne. Il suo silenzio mette in rilievo la compostezza con cui all’arrivo ad Assisi tutta la comunità del M5S intende affrontare la variabilità del lavoro in questo periodo storico. La ridistribuzione dei redditi, la diversificazione degli investimenti, sia pubblici che privati, devono andare di pari passo con il Reddito di Cittadinanza affinché il tutto sia armonizzato e dove il lavoro possa offrire la possibilità di esprimere le proprie competenze, possibilità e capacità personali”. Continua Luciano Viglianti, anche lui presente alla marcia.

Potete trovare sul sito www.viterbo5stelle.it, molte altre testimonianze di viterbesi presenti alla manifestazione che hanno voluto raccontare le loro sensazioni.

Riportandovi questa bella esperienza vissuta insieme vogliamo anche darvi appuntamento a breve sulle strade e piazze della nostra Viterbo, dove ci incontreremo per iniziare a costruire insieme l’alternativa dei prossimi anni.

Banner
Banner
Banner