Recupero dello Stallone del Papa, rischia di andare tutto in fumo

Recupero dello Stallone del Papa, rischia di andare tutto in fumo

Il recupero di un pezzo della migliore storia viterbese, lo Stallone del Papa di Sallupara, rischia di saltare per inefficienza del Comune di Viterbo. A suonare la sveglia l'ex sindaco Marini.

ADimensione Font+- Stampa

Stallone PapaIl recupero dello Stallone del Papa di Sallupara (Viterbo) è a rischio? La notizia gira da qualche settimana nei corridoi della Viterbo bene. Un’indiscrezione a cui hanno dato corpo le dichiarazioni rilasciate dall’ex sindaco Giulio Marini e riportate stamani su diversi giornali cittadini.

Un milione di euro, già stanziato, che rischia di essere perso. Il 16 ottobre, tra una manciata di giorni, infatti scade la convenzione firmata dal Comune di Viterbo (allora era sindaco Marini) Fondazione Carivit e Carivit spa, finalizzata al recupero dell’importante spazio. Una realtà architettonica di pregio perché realizzata dal grande architetto Bramante e che potrebbe diventare uno spazio funzionale al servizio del capoluogo del Viterbese. Stando alle dichiarazioni dell’ex sindaco Marini i vertici della banca temono di non poter far fronte all’impegno sottoscritto perché il Comune di Viterbo non ha ancora inviato il progetto.

Effettivamente già nel mese di luglio Marini era intervenuto in consiglio comunale per sollecitare l’approvazione del progetto e affinché fosse predisposto tutto il necessario per appaltare i lavori. Nessuno però, tra i nuovi inquilini del Palazzo, sembra aver dato risposte.