Quel piccolo grande miracolo quotidiano della Caritas don Alceste Grandori

Quel piccolo grande miracolo quotidiano della Caritas don Alceste Grandori

C'è un luogo, anche a Viterbo, dove si danno risposte ai bisogni primari degli ultimi. Ogni giorno vengono serviti tra i 60 e i 90 pasti e press La Tenda viene dato un tetto, ogni notte, a 16 persone.

ADimensione Font+- Stampa

La mensa della Caritas intitolata a don Alceste Grandori è una delle porte della misericordia dell’anno giubilare. Oltrepassandola, per compiere un atto di carità e amore verso il prossimo, si ottiene l’indulgenza plenaria.

La Caritas viterbese è attiva sul territorio cittadino da venti anni. Da allora molti sono stati i volontari che si sono alternati nel cucinare e distribuire i pasti. Tantissime sono state le persone che hanno usufruito del servizio messo a loro disposizione e sono tuttora distribuiti tra i 60 e i 90 pasti al giorno. Associazioni, negozianti e supermercati, continuano a donare viveri di ogni genere, piatti e bicchieri monouso, tovaglioli, detersivi e quanto serve.

Inoltre, sono quindici anni che è aperto il dormitorio Caritas La Tenda, dove vengono ospitate ogni sera sedici persone, che usufruiscono anche della cena e della colazione.

Una bella realtà che nel silenzio sa dare risposte agli ultimi, a chi senza questo sostegno di base sarebbe lasciato solo nella più cieca disperazione.