Provinciali, spunta il nome di Lina Novelli

Provinciali, spunta il nome di Lina Novelli

Lina Novelli, potrebbe essere il sindaco di Canino a spuntarla nella corsa interna al Pd per la scelta del candidato per Palazzo Gentili.

ADimensione Font+- Stampa

Lina Novelli, potrebbe essere il sindaco di Canino a spuntarla nella corsa interna al Pd per la scelta del candidato per Palazzo Gentili. Dopo la messa al voto interna dei due “duellanti” Gianluca Angelelli (primo cittadino a Civita Castellana) e Eugenio Stelliferi (Caprarola) e la spaccatura i democrat sarebbero al lavoro, da sotto l’ombrellone, per individuare una terza via da percorrere insieme.

Il tema vero di tutto il ragionamento è l’unità d’intenti, nonostante le diversità e le distanze tra l’anima “fioroniana” e quella “panunziana” del Partito Democratico in terra di Tuscia. Unità necessaria a vincere, evitando un clamoroso sorpasso a destra. 

Vera e propria iattura da scongiurare, soprattutto in una fase politica così calda. Da dopo Santa Rosa infatti inizierà la Taranta delle votazioni: politiche, regionali e del comune capoluogo. Realtà quest’ultima dove le possibilità Pd di riuscire nella riconferma sembrerebbero ridotte al lumicino, salvo miracoli. 

Così Lina Novelli, con cui proprio in queste ore sarebbe stato aperto un ragionamento (dicono i bene informati), potrebbe rappresentare la soluzione. Eletta nel 2016 e sindaco di un comune che già sta in Talete. Altro nodo importante. 

La Novelli potrebbe avere davanti a sé un lungo mandato, assicurando Palazzo Gentili al centrosinistra. 

Banner
Banner
Banner