Provincia, continua la battaglia degli ex precari

Provincia, continua la battaglia degli ex precari

I precari della Provincia invitano le istituzioni a un incontro pubblico per il 20 novembre, con lo scopo di fare il punto della situazione e trovare una soluzione a un problema che si trascina da quasi un anno.

ADimensione Font+- Stampa

“Con questa nostra nota rivolgiamo un ultimo disperato appello affinché le problematiche relative alla nostra difficile situazione lavorativa possano essere risolte. Ricordiamo e ribadiamo alcuni punti che per noi sono fondamentali, ossia che i contratti di 46 lavoratori a tempo determinato impiegati presso la Provincia di Viterbo sono scaduti in data 31 dicembre 2014 e non sono stati più prorogati”. E’ l’ultimo appello dei 46 ex lavoratori della Provincia di Viterbo, che da quasi un anno si sono ritrovati senza lavoro, nonostante tutte le garanzie che gli erano state fornite in passato.

“Suddetti contratti erano stati stipulati a seguito di procedura selettiva pubblica. I 46 precari – continua la nota – erano a supporto dei Centri per l’impiego della Provincia per il raggiungimento degli obiettivi del Progetto FSE “Tuscia in Formazione e Lavoro” (Determinazione Dirigenziale 2800 del 17.09.2014) e le figure richieste erano state individuate in accordo alle graduatorie esistenti. Con il Decreto Legge n. 78 del 19 giugno 2015 (decreto Enti Locali) convertito con modificazioni dalla legge n. 125 del 06 agosto 2015 all’articolo 1, comma 7, è stata sancita, in deroga al blocco previsto dalla riforma delle Province, la possibilità di stipulare i contratti di natura flessibile già in essere nel 2014”.

“Inoltre, a seguito di un quesito rivolto dalla Provincia di Viterbo all’avvocato Patrizio Caligiuri (capo della segreteria tecnica e organizzativa del ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione), siamo venuti a conoscenza che il Ministero del Lavoro in queste ultime settimane si è adoperato per raggiungere una intesa con le Regioni sulla gestione dei centri per l’impiego e del relativo personale (possibile soluzione indicata e consigliata dall’avvocato Caligiuri anche per la nostra situazione). La gestione anzidetta avverrà sulla base di apposite convenzioni che verranno sottoscritte con le singole Regioni. Questa problematica è stata oggetto di un tavolo tecnico svolto presso il Ministero del Lavoro, presenti le Regioni, ove sono stati affrontati i nodi generali della vicenda, anche in riferimento all’utilizzo del personale impiegato presso i centri per l’impiego”.

“Pertanto, – conclude il gruppo – per quanto sopra detto e alla luce degli aggiornamenti normativi e dei recenti accordi tra Ministero del Lavoro e Regioni, i 46 ex precari della Provincia di Viterbo invitano il presidente della Provincia di Viterbo, il sindaco di Viterbo, i consiglieri della Provincia di Viterbo, il prefetto, tutti i rappresentanti politici del territorio, tutti gli onorevoli, i consiglieri regionali, tutte le sigle sindacali, a partecipare all’incontro che si terrà venerdì 20 novembre 2015 alle 17 presso la parrocchia Santa Maria della Grotticella, in Via della Mazzetta a Viterbo, per fare il punto della situazione e per trovare un accordo o una soluzione al nostro serio problema lavorativo”.