Provincia, 172 esuberi. Ecco il quadro tracciato dalla riforma Delrio

Provincia, 172 esuberi. Ecco il quadro tracciato dalla riforma Delrio

La riforma delle Province firmata da Delrio impone una cura dimagrante al numero del personale in servizio all'interno dell'ente. Un dimezzamento di fatto. Ecco lo schema che si sta seguendo.

ADimensione Font+- Stampa

172 esuberi a Palazzo Gentili. La Provincia di Viterbo inizia le grandi manovre di snellimento del personale, deciso dalla riforma Delrio. Riforma che impone agli enti provinciali di tagliare della metà la spesa per i dipendenti e quindi dimezzare di fatto il loro numero.

Manovra delicata. Dalla fotografia scattata lo scorso 8 aprile sono risultati in forze all’ente 355 dipendenti. Il 27 febbraio è stata pubblicata la delibera che stabilisce il dimezzamento dei fondi per il personale. Si deve passare da 13 milioni e 745mila euro di spesa a 6 milioni e 862mila.

60 unità, dai conti fatti, possono godere del prepensionamento previsto. Risparmio netto di 2 milioni e 620mila euro. 13 persone sono già andate in pensione o passate ad altra sede lavorativa per un abbattimento dei costi pari a 600mila euro. C’è poi da giocare la carta del ricollocamento, previsto per i lavoratori appartenenti a quei settori per cui la Provincia perde le competenze. Si parla di 34 unità, che generano una riduzione dei costi pari a 1 milione e 300mila euro. C’è poi la situazione dei 38 lavoratori del centro impiego, che dovrebbero tutti entrare in forze a un nuovo organismo denominato Agenzia Nazionale per l’Impiego. Stessa sorte per i 26 della Polizia Provinciale, tutti da confluire nel Corpo Unico di Polizia. Un qualcosa che toglie dai conti 2 milioni di euro. Nel frattempo si è aperta anche la possibilità di trasferimento ad altri enti, accettata al momento da un solo dipendete che andrà in forza agli uffici giudiziari. Risparmio di 46mila euro.

Il quadro raggiunto parla di una nuova Provincia con 183 dipendenti, per un costo di 6 milioni e 676mila euro. In linea con quanto dettato dalla riforma Delrio. Ora entro il 31 marzo, ma è possibile una proroga al 30 giugno, la Provincia dovrà realizzare l’incasellamento del personale, con nomi e cognomi, dentro questo schema.

  • pascal91

    La riforma DeLirio è una delle più confusionarie di questo governo di cialtroni… pardon rifoma Delrio