Prove di dialogo tra Mori, Chiara Frontini e Filippo Rossi

Prove di dialogo tra Mori, Chiara Frontini e Filippo Rossi

I Mori pronti al divorzio dal Partito Democratico. L'alleanza stretta nel 2013 e che ha portato all'elezione del sindaco Leonardo Michelini non esiste più. Fine di un percorso politico. Finisce anche l'amoroso legame con il ramo "fioroniano" dei dem.

ADimensione Font+- Stampa

I Mori pronti al divorzio dal Partito Democratico. L’alleanza stretta nel 2013 e che ha portato all’elezione del sindaco Leonardo Michelini non esiste più. Fine di un percorso politico. Finisce anche l’amoroso legame con il ramo “fioroniano” dei dem.

I Mori sono alla ricerca di nuovi partner politici, con cui aprire un nuovo percorso in vista delle elezioni comunali. “Non è che non siamo leali all’alleanza, noi siamo stati leali fino a quando è stato possibile. Siete voi che siete morti”. Sarebbero state queste le parole su cui si sarebbe consumata, in queste ore, una violenta rottura.

Rotta su Chiara Frontini. E proprio Viterbo2020, questo raccontano i boatos, starebbe valutando la possibilità di un accordo con il gruppo di Livio Treta, tra i più attivi, & Co. Gole ancora più profonde raccontano di un dialogo aperto anche con Viva Viterbo. Si vocifera di una proposta a questi due mondi civici. Il ragionamento suonerebbe così: Rossi e Frontini rinuncino alla loro candidatura a sindaco e troviamo un terzo nome per il candidato primo cittadino del triangolo Viterbo2020 Viva Viterbo e Mori.

Operazione che però non troverebbe la disponibilità di Chiara Frontini, non propensa a rinunciare alla sua candidatura a sindaco. Il dialogo, dicono quelli informati, sarebbe aperto. La convinzione è di riuscire, con questa formazione, ad arrivare al ballottaggio per poi giocarsela.