Prima scuola parentale a Viterbo, nasce “La terra dei bambini”

Prima scuola parentale a Viterbo, nasce “La terra dei bambini”

Nuovi progetti a livello pedagogico nascono e poi crescono, grazie alla forza e alla determinazione delle mamme. A Viterbo nasce la prima scuola parentale che a partire dal nuovo anno scolastico, sarà sulla scena viterbese.

ADimensione Font+- Stampa

Nuovi progetti a livello pedagogico nascono e poi crescono, grazie alla forza e alla determinazione delle mamme. A Viterbo nasce la prima scuola parentale che a partire dal nuovo anno scolastico, sarà sulla scena viterbese.

Insegnare storia, geografia e matematica ai propri figli senza mandarli a scuola, senza lezioni frontali, compiti o ricreazioni, ma educandoli direttamente da casa. E’ proprio questo che in Italia si chiama  istruzione parentale, come la definisce anche il Ministero dell’Istruzione, a livello internazionale è più conosciuta come homeschooling. Nasce per uno scontento verso la scuola statale o semplicemente per la voglia di voler dare un’impostazione educativa e pedagogica diversa ai propri figli:  Si tratta della decisione dei genitori di non iscrivere i bambini a scuola, facendosi carico della loro istruzione.  Questa esperienza arriva da Settembre anche nel viterbese.

“La Terra dei bambini” è un progetto ambizioso nato dall’idea di tre mamme, Francesca, Silvia ed Elisa, che credono nel potere educativo e in un nuovo modo per parlare di pedagogia.

La scuola sarà appena fuori dalla città, il logo disegnato direttamente dai bambini evoca un contatto stretto con la natura e un’accoglienza degna di una scuola per l’infanzia.  Il direttivo e gli otto educatori hanno deciso di seguire un approccio pedagogico sperimentale, guidati  della dottoressa Elisa Calabrò, e stanno facendo un periodo di training con dei formatori che già si sono distinti per un’opera educativa alternativa.

“Non è importante dare sempre una risposta, ma fornire loro la chiave per trovarla da soli“, questo il motto di tante famiglie che decidono di fare scuola con i propri mezzi.