Prima dell’approvazione del bilancio, il centrosinistra deve contare i consiglieri

Prima dell’approvazione del bilancio, il centrosinistra deve contare i consiglieri

Dopo la seduta di giovedì scorso, la maggioranza si è presa alcuni giorni prima di riconvocare la conferenza dei Capigruppo, luogo deputato alla decisione delle date dei prossimi Consigli comunali, quelli che dovranno portare all’approvazione del bilancio.

ADimensione Font+- Stampa

Per il bilancio c’è ancora da aspettare. Dopo la seduta di giovedì scorso, la maggioranza si è presa alcuni giorni prima di riconvocare la conferenza dei Capigruppo, luogo deputato alla decisione delle date dei prossimi Consigli comunali, quelli che dovranno portare all’approvazione del bilancio. Appuntamento giovedì mattina.

Le difficoltà della maggioranza nel raggiungere prima 17 presenti, poi 17 votanti non facilitano le operazioni. Secondo i termini di legge il bilancio andava approvato in giunta entro il 31 marzo e poi entro 45 dal voto in giunta, anche in Consiglio.

Il bilancio dunque arriverà in aula nei prossimi giorni. La maggioranza però è a rischio. Se il sì di Filippo Rossi, nonostante tutto, sia da considerarsi acquisito, non è così per quello di Marco Volpi o quello di Arduino Troili che hanno già da tempo annunciato il proprio malcontento e dopo le astensioni degli anni passati, potrebbero addirittura votare contro.

Senza di loro la maggioranza raggiungerebbe comunque i 18 voti positivi. Sempre che i consiglieri siano tutti presenti.

Natale Viterbo