Presidenza, la minoranza ”chiude i giochi”. 20 giorni per votare il successore di Rossi

Presidenza, la minoranza ”chiude i giochi”. 20 giorni per votare il successore di Rossi

20 giorni da ieri per votare il nuovo presidente del consiglio comunale. E' la mossa tecnica, a colpi di regolamento, che le minoranze hanno messo in essere per stringere la maggioranza e arrivare al voto sul successore di Filippo Rossi.

ADimensione Font+- Stampa

Stretta della maggioranza sull’elezione del nuovo presidente del consiglio comunale. I dieci consiglieri di opposizione hanno presentato una lettera firmata con cui chiedono l’inserimento all’ordine del giorno delle cose da discutere in consiglio del punto “elezioni nuovo presidente”.

Il regolamento comunale prevede che a poter avanzare questa richiesta debba essere un gruppo composto da almeno un quinto dei consiglieri e che l’argomento venga affrontato entro 20 giorni dall’avvenuta richiesta.

Il gesto si è consumato nella mattinata di ieri, ergo nella sala d’Ercole si dovrà arrivare al voto entro il 23 febbraio.

Una mossa che forse in pochi si aspettavano e che stringe i tempi della diplomazia tutta interna alla maggioranza, finalizzata alla convergenza su un nome per il post Rossi.

Intanto i tre “pontieri” del Pd continuano il proprio lavoro. Nel contempo il sindaco Leonardo Michelini è tornato a scandire a chiare lettere il suo no al rimpasto di giunta.