Presentazione nuova Smart, esperienza tra mercato e cultura

Presentazione nuova Smart, esperienza tra mercato e cultura

Presentazione della nuova Smart, tra mercato e cultura. Atmosfera impeccabile nei giardini di Palazzo dei Priori e visite guidate alle stanze rinascimentali.

ADimensione Font+- Stampa

smartPresentazione della nuova Smart a Palazzo dei Priori, ovvero quando un evento di mercato va a braccetto con cultura e promozione del territorio. Lo scorso fine settimana Mercedes Benz Roma ha voluto presentare nella città dei papi i nuovi modelli di Smart. Un appuntamento di grande eleganza all’interno dei giardini del palazzo comunale. Un ambiente molto minimale e suggestivo ha accolto gli invitati, regalando una serata interessante. Ricercate le luci, la musica affidata a un percussionista efficace e bella atmosfera. Momento eccezionale è stato rappresentato dalle visite guidate alle sale del rinascimentale Palazzo dei Priori, visite a cui hanno preso parte anche diversi dirigenti di Mercedes Italia.

Un’occasione per promuovere un prodotto d’eccellenza, come la Smart, ma anche un territorio suggestivo come Viterbo. Con la speranza che eventi di questo tipo, particolarmente riuscito, possano funzionare da apripista ad altre occasioni.

Le nuove ForTwo e ForFour sono il frutto di cinque anni di lavoro, che hanno puntato soprattutto a creare una vettura che potesse migliorare alcuni dei difetti della vecchia generazione, come il cambio, aumentando allo stesso tempo i suoi punti di forza, come l’efficienza e la sicurezza. Le dimensioni della ForTwo sono rimaste praticamente invariate: è aumentata solo la larghezza per migliorare il comfort, arrivando a 166 cm. La lunghezza, invece, è rimasta di 269 cm, andando così ad accontentare chi apprezza la ForTwo proprio per la sua compattezza. Migliorano anche gli interni, più raffinati e curati (senza dimenticare la tecnologia del sistema Smart Cross Connect), insieme ad una gamma di motori con potenze comprese tra i 60 e i 90 CV, associabili ad un cambio manuale a cinque marce o ad un automatico DCT con doppia frizione a sei rapporti.

All’incontro ha presenziato il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini e diversi consiglieri comunali.