Poggino, Papalini: “Dall’amministrazione una grande delusione”

Poggino, Papalini: “Dall’amministrazione una grande delusione”

Un paio di cartelli che indicassero la possibilità di arrivare dalla Cassia alla Teverina passando per il Poggino, e viceversa. Cartelli che sarebbero stato il simbolo di una prima attenzione dell’amministrazione comunale. Dopo la battaglia a novembre era arrivata l’ordine di istallarli, poi più nulla.

ADimensione Font+- Stampa

Nemmeno due cartelli (leggi), le priorità sono altre. È la risposta che ha ricevuto l’imprenditore del Cia, azienda del Poggino, Carlo Papalini dall’amministrazione comunale. Un paio di cartelli che indicassero la possibilità di arrivare dalla Cassia alla Teverina passando per il Poggino, e viceversa. Cartelli che sarebbero stato il simbolo di una prima attenzione dell’amministrazione comunale. Dopo la battaglia a novembre era arrivata l’ordine di istallarli, poi più nulla.

“È una grande delusione – ha commentato Carlo Papalini – che mi brucia proprio. Dopo tante battaglie ero riuscito a far approvare la proposta, con tanto di ordine del sindaco Michelini. Ho sollecitato, ma la risposta è curiosa: mi hanno detto che ci sono tante altre priorità e altri cartelli più urgenti. Io non capisco queste dinamiche anche perché nelle nostre ditte in una settimana le cose si fanno. Se io fossi il Sindaco che scrivo ‘che ordino’, poi diventerei una bestia se quella cosa non venisse fatta. Va bene tutto, ma anche presi per il culo no. Bisogna essere pazienti – ancora Papalini – ma preso per il culo no, non mi sta bene”.

La visione da imprenditore reattivo e decisionista mal si sposa con la figura del politico: “Da imprenditore dico che così non può funzionare. Noi combattiamo e cerchiamo di mantenere le nostre attività, è una battaglia che costa cara”. Il bilancio del Comune di Viterbo è in via di discussione, ma nessuno si è fatto sentire per provare a far qualcosa per il quartiere produttivo. “Siamo tutti scollegati – conclude Papalini – non c’è nessun contatto”.

Natale Viterbo