Pirozzi, Rampelli, Meloni, Porro: il centrodestra è unito?

Pirozzi, Rampelli, Meloni, Porro: il centrodestra è unito?

Ma se chi entra Papa, solitamente esce Cardinale, ci sarebbe da scommettere che ancora non si conosce il nome di chi correrà per diventare il nuovo Governatore per la coalizione di Centrodestra

ADimensione Font+- Stampa

Pirozzi, Rampelli, Meloni o addirittura Porro: il centrodestra cerca il candidato alla presidenza della Regione Lazio. Ma se chi entra Papa, solitamente esce Cardinale, ci sarebbe da scommettere che ancora non si conosce il nome di chi correrà per diventare il nuovo Governatore per la coalizione di Centrodestra.

Il primo a fare un passo in avanti era stato il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi che a Viterbo ha fatto il suo personale outing annunciando la volontà di candidarsi. Candidatura che non è stata ritirata, ma superata dagli esponenti del centrodestra nazionale e regionale. Il primo a soprassedere sarebbe stato Silvio Berlusconi che su Rai Uno ha auspicato un candidato unitario. Di fatto non dando l’investitura a Pirozzi.

Dopo il nome di Pirozzi, si era fatto dell’ispiratore di Fratelli d’Italia Fabio Rampelli e della fondatrice dello stesso partito Giorgia Meloni, che potrebbe godere del sostegno di Noi con Salvini in virtù del rapporto istaurato a livello nazionale.

Tiepide le reazioni anche per Nicola Porro, noto giornalista di provenienza di Centrodestra, il cui nome è spuntato negli ultimi giorni.

Quel che è chiaro è che ancora non si sa chi possa essere il Musumeci nostrano, che possa riunire il Centrodestra romano e laziale. Missione non facile, ma necessaria per concorrere alla guida della Regione Lazio.

Nel frattempo nelle ultime settimane hanno iniziato a far capolino anche i primi sondaggi e Nicola Zingaretti sembra possa essere in vantaggio rispetto agli avversari. Ma è ancora presto.