‘Piacere Etrusco’, il gusto della Tuscia alla conquista di Roma guardando a Expo 2015

‘Piacere Etrusco’, il gusto della Tuscia alla conquista di Roma guardando a Expo 2015

I prodotti del Marchio Tuscia Viterbese pronti a portare la qualità di un intero territorio nei luoghi del gusto della città eterna. Una seconda edizione carica di aspettative dopo il buon esito dello scorso anno.

ADimensione Font+- Stampa

tuscia

Il buono della Tuscia si prepara a sbarcare nella capitale. Dal 21 al 28 novembre la Camera di Commercio di Viterbo proporrà, nei luighi di culto del gusto di Roma, i prodotti tipici a Marchio Tuscia Viterbese. Un’operazione per promuovere il gusto unico di un territorio, ma anche per stimolare il turismo enogastronomico firmato Tuscia Welcome. Tutto questo è ‘Piacere Etrusco’.

”Il successo registrato con la prima edizione – dichiara Francesco Monzillo, segretario della Camera di Commercio – non era scontato. Portare sul mercato romano le nostre tipicità e proporle a un pubblico attento e selezionato, ha comportato un grande impegno operativo e gestionale, completamente ripagato sia dai qualificati consensi, sia dalla soddisfazione espressa dagli stessi produttori che ne sono stati protagonisti”.

Otto giorni di appuntamenti, presso le location enogastronomiche più rinomate della città eterna, in cui il pubblico conoscerà i prodotti made in Tuscia, con workshop con i ristoratori romani, degustazioni guidate e menu appositamente costruiti, oltre alla possibilità di acquistare prodotti o partecipare a laboratori didattici, o lasciarsi affascinare dalle esibizioni di chef locali negli show cooking.

”A fronte del vivace interesse registrato ultimamente in merito al popolo etrusco – continua Monzillo -, il nostro orgoglio per Piacere Etrusco non può far altro che crescere, poiché, racchiude in sé tutti gli elementi indispensabili per promuovere non soltanto la Tuscia e il lavoro dei nostri imprenditori agroalimentari, ma anche l’intero settore dedito alla ricettività e all’ospitalità locale. Rappresenta, per così dire, il passo in più che quest’Ente, con le competenze e l’esperienza maturata nel tempo, può e deve garantire alle proprie imprese”. 

Le aziende produttrici di prodotti enogastronomici, licenziatarie del Marchio Tuscia, possono aderire all’iniziativa, presentando la propria richiesta entro il prossimo martedì 14 ottobre 2014 (modalità di adesione sul sito www.vt.camcom.it).

Inoltre l’iniziativa diventerà un progetto per Expo 2015, che tramite il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, diverrà la prima Esposizione della storia ad essere ricordata non solo per i manufatti, ma soprattutto per il contributo al dibattito e all’educazione sull’alimentazione, sul cibo e sulle risorse a livello planetario.

 

RIVIVI LE EMOZIONI DEL VIAGGI NELLA TUSCIA DEI FUNAMBOLI CON DANIELA STAMPATORI