Piacere Etrusco a Viterbo insieme a San Pellegrino in Fiore

Piacere Etrusco a Viterbo insieme a San Pellegrino in Fiore

La mostra-mercato con 30 imprese agroalimentari e artigianali della provincia di Viterbo in programma dal 25 aprile al 1° maggio in programma in piazza del Plebiscito a Viterbo

ADimensione Font+- Stampa

Dopo il grande successo dello scorso anno la Camera di Commercio Viterbo, in collaborazione con Unioncamere Lazio, propone anche quest’anno “Piacere Etrusco”, la manifestazione che promuove arti e sapori della Tuscia. L’evento, giunto alla quinta edizione, si svolge interamente in piazza del Plebiscito a Viterbo dal 25 aprile al 1° maggio, in contemporanea dal 28 di aprile con la mostra floreale San Pellegrino in fiore.

“Nel corso degli anni Piacere Etrusco – ha dichiarato nel corso della presentazione Domenico Merlani, presidente dell’Ente camerale – ha rappresentato l’occasione per promuovere i nostri prodotti tipici nella Capitale coinvolgendo le persone e i luoghi più noti e significativi dell’enogastronomia romana: grandi cuochi e chef stellati, i migliori giornalisti enogastronomi, ristoranti, enoteche e botteghe del gusto tra le più conosciute. Dallo scorso anno abbiamo reimpostato la formula spostando la programmazione dall’autunno alla primavera, puntando sull’aspetto turistico e culturale, estendendo il target non più limitato al pubblico romano, includendo tra i produttori anche l’artigianato artistico. Devo dire che il successo da parte di visitatori e turisti provenienti da ogni parte d’Italia è stato strepitoso e ha soddisfatto molto anche i produttori che a gran voce ci hanno richiesto di ripeterla”.

Sono 30 le imprese della provincia di Viterbo che esporranno le loro eccellenze nel villaggio di “Piacere Etrusco”. Per l’artigianato: Bell’Ornato Vetri d’Arte, Ceramica Artistica Cirioni A., Creazioni Daniela, L’Helixir Dermocosmesi al siero di lumaca, Marabui manifatture, Mastrocencio Ceramiche, Restauro Mobili Cristiano Monzillo, Sartoria Cavour, Torus Perle in vetro,

Per il comparto agroalimentare: Ara del Re, Lotti, Bruzziches Biagio, Cose di Macchia, Giorgio Grani, Piancardo, Sapori di Ieri, Debora Castelli, Cimina Dolciaria, Cooperativa Olivicola di Canino, Fattorie Solidali, Frantoio Archibusacci dal 1888, Consorzio Freschi di Forno, Lago Vivo, Lamponi dei Monti Cimini, Le Moline, Nerboruta, Perle della Tuscia, Podere dell’Arco, Radichino – Fratelli Pira, Tenuta Il Melograno.

Inoltre, in collaborazione con Slow Food Viterbo e Tuscia, ogni giorno si terranno in un’apposita area dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 laboratori didattici per bambini, degustazioni guidate e la presentazione di prodotti tipici.

 

Decarta racconta la Tuscia