Pesci morti e schiuma abbondante nel Marta, si indaga. Il sindaco di Tuscania vieto l’uso dell’acqua

Pesci morti e schiuma abbondante nel Marta, si indaga. Il sindaco di Tuscania vieto l’uso dell’acqua

Pesci morti nel Marta e schiuma abbondante. Nella mattinata di domenica un uomo, mentre si trovava dalle parti di San Savino (Tuscania, zona cartiera), si rende conto dell'anomalia e chiama le autorità.

ADimensione Font+- Stampa

Pesci morti nel Marta e schiuma abbondante. Nella mattinata di domenica un uomo, mentre si trovava dalle parti di San Savino (Tuscania, zona cartiera), si rende conto dell’anomalia e chiama le autorità.

Sul posto arrivano i carabinieri forestali e i vigili. Riscontrando la stranezza del fatto prelevano dei campioni di acqua. Con loro anche il sindaco di Tuscania Fabio Bartolacci. Sulla questione sono al lavoro gli uomini dell’Arpa.

Il sindaco Bartolacci ha emesso un’ordinanza di divieto di uso dell’acqua del fiume Marta sia a scopi umani che per l’abbeveraggio degli animali, per attività agricola, pesca e balneazione.

 

Decarta racconta la Tuscia