Pd, la centrale partita della costituzione dei Comitati per il Sì. Egidi: “Uno per ogni comune”

Pd, la centrale partita della costituzione dei Comitati per il Sì. Egidi: “Uno per ogni comune”

Comitati per il Sì e Comitati per il No al referendum di ottobre, presto la costituzione anche nella Tuscia. L'argomento è scarsamente battuto al momento, almeno sotto ai riflettori, ma sono in corso una serie di movimenti.

ADimensione Font+- Stampa

Comitati per il Sì e Comitati per il No al referendum di ottobre, presto la costituzione anche nella Tuscia. L’argomento è scarsamente battuto al momento, almeno sotto ai riflettori, ma sono in corso una serie di movimenti.

Si tratta di un passaggio potenzialmente centrale, un vero e proprio snodo politico. Perlomeno ne parla in questi termini il Corriere della Sera, che ritiene che dai Comitati per il Sì il segretario nazionale del Pd Matteo Renzi selezionerà la nuova classe dirigente del partito. Al momento a lavorarci è il segretario provinciale del Partito Democratico Andrea Egidi, che punta alla costituzione di un coordinamento provinciale. Coordinamento che dovrà occuparsi di promuovere la nascita di almeno un Comitato per il Sì in ognuno dei sessanta comuni del Viterbese.

“Il partito darà tutta l’assistenza necessaria, ma l’obiettivo – precisa Egidi – è che i Comitati siano costituiti al 90% di imprenditori e liberi professionisti”.

“L’operazione – continua Egidi – entrerà nel vivo subito dopo l’evento del 17 maggio per il lancio dei candidati a sindaco di area in corsa nei ventuno comuni al rinnovo. Cominceremo da dove non si vota, per poi continuare con gli altri”.

In altre parti d’Italia i Comitati si stanno formando e inglobano anche figure di altri partiti oltre al Pd. Nello specifico si tratta di alleati di governo: Ala, Scelta Civica, Ncd. E all’interno del Partito Democratico non tutti sono allineati sul Sì e c’è già chi ragiona sulla costituzione di Comitati per il No. Tutte scelte molto significative.