Patrimonio Unesco, per la festa dell’8 dicembre il cuore di Santa Rosa a Palazzo Papale

Patrimonio Unesco, per la festa dell’8 dicembre il cuore di Santa Rosa a Palazzo Papale

ADimensione Font+- Stampa

Il cuore di Santa Rosa nella sala Alessandro IV per i festeggiamenti in programma per l’8 dicembre. Se le cose andranno bene in quel di Baku e la rete delle “macchine a spalla” riceverà il titolo di patrimonio immateriale dell’umanità il cuore dell’amatissima santa viterbese sarà portato all’interno di Palazzo Papale. Ad annunciarlo è il presidente del Sodalizio dei Facchini Massimo Mecarini ai microfoni di ‘Viterbo-Baku, andata e ritorno’.

Ieri mattina, dalle 11 alle 12 su Radio Verde, la prima puntata della trasmissione ideata dai giornalisti Simone Carletti e Roberto Pomi. Puntata di apertura che è servita per raccontare cosa sta per accadere a Baku il prossimo 5 dicembre, data di conferimento del titolo Unesco alla rete delle “macchine a spalla”.

Mecarini sta per vivere da protagonista l’appuntamento. E’ infatti lui il capodelegazione viterbese ma soprattutto due anni fa ha ricevuto l’incarico di referente delle quattro comunità (Nola, Palmi, Sassari e Viterbo) unite nella rete. L’8 dicembre i cittadini di queste diverse realtà saranno uniti nei festeggiamenti via streaming. I viterbesi sono chiamati a raccolta nella sala antistante l’aula del Conclave, per un pomeriggio con i facchini storici, tra cui un entusiasta Nello Celestini (padre fondatore del Sodalizio).

E’ intervenuto in trasmissione il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini che ha lanciato un messaggio ai concittadini: “Ci troviamo davanti un’occasione unica, da vivere dall’inizio alla fine. Dobbiamo credere che questa è forse l’unica occasione dove Viterbo rientra in una sfera internazionale, non con le parole ma con i fatti. Non siamo noi a dire che il trasporto della Macchina di Santa Rosa è qualcosa di eccezionale ma un complesso sistema internazionale, l’Unesco, che ci riconosce l’unicità di questo patrimonio culturale viterbese. La città di fatto diventa di interesse nazionale ed è un incoraggiamento a credere di più nelle nostre possibilità”.

Per Michelini il riconoscimento Unesco è importante per mettere in moto tutta una serie di possibilità ed energie: “Con questo evento dobbiamo pensare a tante cose nuove per la città e abbiamo bisogno della grande fantasia dei giovani e di grande ottimismo. Se non crediamo che le cose si possono fare difficilmente raggiungeremo obiettivi”.

‘Viterbo-Baku, andata e ritorno’ continua mercoledì mattina 4 dicembre, sempre dalle 11 alle 12. Giovedì invece, dalle 7 alle 10, Simone Carletti e Roberto Pomi seguiranno i lavori di Baku sempre in diretta su Radio Verde. Martedì 10 e mercoledì 11 dicembre, sempre dalle 11 alle 12 saranno raccolte le testimonianze della delegazione viterbese di Baku.

Gli appuntamenti non finisco qui, infatti il 17 e 18 dicembre, sempre dalle 11 alle 12, Funamboli approfittando dell’augurato importante risvolto della giornata di Baku terranno due puntate funzionali ad aprire un dibattito in città sull’opportunità di realizzare il Museo delle Macchine di Santa Rosa. Questa parte del progetto vede come partner Archeoares.

 

Tutto è ascoltabile su Radio Verde, Fm 103.9 o 93.1 oppure in streaming su www.radioverde.it. Saranno realizzati anche i podcast ascoltabili in qualsiasi momento, e a memoria di questi giorni storici, sul sito www.funamboli.it.

 

L’iniziativa è stata resa possibile dal sostegno del Comune di Viterbo, con il patrocinio di Provincia di Viterbo e Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa. Tutte gli approfondimenti su www.funamboli.it e sulla pagina facebook Funamboli Radioverde.