Parco delle Querce, piantati dieci ulivi. A Santa Barbara apprezzamento per il comportamento di Saggini Costruzioni

Parco delle Querce, piantati dieci ulivi. A Santa Barbara apprezzamento per il comportamento di Saggini Costruzioni

Si tratta di alberi che si trovavano nell'area edificabile dove la Saggini Costruzioni ha in cantiere la costruzione di nuovi appartamenti. A colpire gli abitanti di Santa Barbara è stato il comportamento messo in atto dall'azienda, che ha dato un segnale forte mettendo in essere un comportamento per certi versi naturale, è proprio il caso di dirlo, ma che ha sicuramente anche dello straordinario.

ADimensione Font+- Stampa

Il Parco delle Querce di Santa Barbara prende nuova vita. In queste ultime settimane sono comparsi ben dieci ulivi nell’area verde che è stata al centro di tante polemiche negli scorsi mesi. Nel quartieri la notizia di queste nuove piante sta facendo parecchio parlare, a smentita del detto che “fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce”.

Si tratta di alberi che si trovavano nell’area edificabile dove la Saggini Costruzioni ha in cantiere la costruzione di nuovi appartamenti. A colpire gli abitanti di Santa Barbara è stato il comportamento messo in atto dall’azienda, che ha dato un segnale forte mettendo in essere un comportamento per certi versi naturale, è proprio il caso di dirlo, ma che ha sicuramente anche dello straordinario.

Quando ha iniziato a materializzarsi il cantiere in diversi nella zona avevano tratto facili conclusioni: “Queste povere piante, che sono qui chissà da quanto tempo, sono destinate a una brutta fine”. Profezia smentita dall’evolversi dei fatti.

I dieci ulivi infatti sono stati semplicemente spostati nel Parco delle Querce, dandogli appunto nuova vita. L’operazione è stata effettuata con grande cura e professionalità, sotto le indicazioni di un agronomo, che ha indicato la proceduta da seguire per cercare di limitare al massimo lo stress per le piante. Gli alberi sono stati prima tirati fuori dal terreno da personale qualificato, poi zollati e ripiantati.

Un’azione che ha stupito non poco perché tutt’altro che ordinaria e che ha colpito positivamente gli abitanti del quartiere Santa Barbara. Un nuovo modo di fare impresa, più attento agli interessi della collettività e al rispetto della natura e dell’ambiente urbano, si è dunque materializzato in città?

La risposta sembrerebbe affermativa. Di certo Saggini Costruzioni con questa iniziativa si è mossa all’interno della filosofia delle abitazioni che realizza, attente ai consumi energetici, alla qualità e quindi al rispetto dell’ambiente. Che passa sicuramente anche per dieci piante d’ulivo.

 

Banner
Banner
Banner