31 maggio? Se così fosse niente Papa

31 maggio? Se così fosse niente Papa

Trasporto straordinario della Macchina di Santa Rosa previsto per il 31 maggio? Se così fosse è improbabile la presenza a Viterbo di papa Francesco. La data infatti coincide con la chiusura del mese mariano e poi c'è il viaggio in Terra Santa.

ADimensione Font+- Stampa

Trasporto straordinario della Macchina di Santa Rosa il 31 maggio? Questa è la notizia in circolo da stamattina in città grazie a un’anticipazione de Il Messaggero ma se così fosse difficilmente potremmo contare sulla presenza di Papa Francesco.

 

Tusciaweb riporta una precisa dichiarazione del sindaco Leonardo Michelini: “Abbiamo deciso per l’ultimo sabato del mese di maggio, quasi certamente quella è la data in cui daremo vita all’evento”. Frena invece il presidente del Sodalizio Massimo Mecarini, intervistato da Viterbonews24: “Non c’è ancora niente di stabilito ma è possibile”. E’ il “quasi certamente” di Michelini e l’inchiodata di Mecarini che ci lasciano ancora accesa la speranza di avere anche il santo padre tra noi. Naturalmente cambiando data. Senza di lui sarebbe un trasporto eccezionale piuttosto insipido. E difficilmente, andando a spulciare l’agenda degli impegni del pontefice, si può ipotizzare una sua presenza a Viterbo per sabato 31 maggio.

 

Di fatti la casella dell’agenda di papa Bergoglio presenta alla data del 31 un appuntamento piuttosto importante: la conclusione del mese mariano. Appuntamento fisso della Chiesa cattolica che, a quanto ci risulta, contempla la presenza del papa a Roma per la recita del rosario, una piccola processione con l’immagine della Vergine, la meditazione e la benedizione apostolica da piazza San Pietro. Il tutto in genere si svolge alle ore 20.

 

Consulta l’agenda del papa

 

C’è inoltre un altro problema non da poco per la seconda metà di maggio. Infatti il sommo pontefice sarà protagonista di un pellegrinaggio in Terra Santa nelle giornate del 24-25 e 26. Un appuntamento particolarmente importante e delicato da gestire. Certo fare il terzo trasporto eccezionale della storia in questo mese sarebbe importante, anche per rievocare simbolicamente quel 27 maggio del 1984 quando i cavalieri di Santa Rosa sfilarono davanti a un ancora giovane Giovanni Paolo II. Purtroppo il calendario, già fissato, degli impegni di papa Francesco sembra rendere la strada del suo arrivo a Viterbo in quel periodo piuttosto tortuosa.

Il primo trasporto straordinario della storia della Macchina venne effettuato il primo luglio 1983, per celebrare il 750esimo anniversario della nascita di Santa Rosa. Sarebbe un martedì e papa Francesco ci risulta essere libero. Meglio rimandare a questa seconda data simbolo, no?