Palazzo papale con divano in vista e blocchi etrusco-romani messi in mezzo alla strada

Palazzo papale con divano in vista e blocchi etrusco-romani messi in mezzo alla strada

Non ci sono parole. Ascensore di Valle Faul, sali e attraversi un cubo vuoto definito da pareti grigie particolarmente brutte. Ma questa è la sfigata routine di quel paesone che fa da capoluogo alla Tuscia. E' l'eccezione a raggiungere le vette dell'incredibile. Venti passi e ad accoglierti sulla piazza del Duomo, quella frequentata dai papi, c'è in bella vista un divano. Per la precisione due, uno sopra l'altro. 

ADimensione Font+- Stampa

Non ci sono parole. Ascensore di Valle Faul, sali e attraversi un cubo vuoto definito da pareti grigie particolarmente brutte. Ma questa è la sfigata routine di quel paesone che fa da capoluogo alla Tuscia. E’ l’eccezione a raggiungere le vette dell’incredibile. Venti passi e ad accoglierti sulla piazza del Duomo, quella frequentata dai papi, c’è in bella vista un divano. Per la precisione due, uno sopra l’altro. 

Così Viterbo conquista il primato di prima città d’arte e cultura dove al turista è offerta anche una vista sul divano. Ci sono anche due turisti del Nord Europa che fotografano il fatto. Dovrebbero tornare a Viterbo più spesso e gli sembrerebbe tutto più normale. 

Giro della piazza e all’angolo per prendere il ponte i piedi sono fermati da un blocco di pietra, dal peso stimabile di 200-300 chili. E’ una pietra etrusco-romana staccata da qualcuno e messa verso la strada. Incredibile ma vero. Sta lì da ore e nessuno è intervenuto. Forse si attende il ritorno dei lucumoni e delle loro famose magie.