Palazzo dei Priori, sta per arrivare in aula la decadenza di Moltoni e Tofani

Palazzo dei Priori, sta per arrivare in aula la decadenza di Moltoni e Tofani

A Palazzo dei Priori stanno per tornare i nuvoloni. Secondo indiscrezioni presto arriverà in aula la questione della decadenza di Francesco Moltoni e Maurizio Tofani, salvo non decidano di pagare quanto stabilito dalla Corte dei Conti per la nota vicenda Cev.

ADimensione Font+- Stampa

Non c’è pace dentro la maggioranza di Leonardo Michelini, sta infatti per scoppiare il caso Francesco Moltoni e Maurizio Tofani. I due consiglieri comunali in carica, coinvolti con altri precedenti amministratori nella vicenda Cev, chiamati a versare nelle casse del Comune di Viterbo la bellezza di 80mila euro a testa rimangono tra coloro che son sospesi. 

Su di loro pende infatti la possibilità di decadere dalla carica di consigliere comunale, in caso di non pagamento di quanto stabilito dalla Corte dei Conti. Non pagare infatti li porrebbe in una situazione d’incompatibilità, perché in contrasto con l’amministrazione comunale che rappresentano.

Secondo indiscrezioni la questione della loro decadenza starebbe per approdare proprio in consiglio comunale, chiamato a votarla. Un’operazione che riaccende il fuoco che cova sotto l’apparente pace di questi giorni all’interno dell’amministrazione Michelini.

Sempre secondo indiscrezioni il consigliere Tofani sarebbe intenzionato a pagare, mossa che lo manterrebbe in sella dentro la sala d’Ercole. Rischia invece di venire disarcionato il consigliere Moltoni. Qualora uscisse Moltoni al suo posto entrerebbe il primo dei non eletti, che risponde al nome di Cluadio Mecozzi. Se uscisse anche Tofani entrerebbe anche Vita Sozio.