Palazzo dei Priori, si apre la settimana dei faccia a faccia

Palazzo dei Priori, si apre la settimana dei faccia a faccia

Oggi si incontrano i consiglieri e gli assessori del Partito Democratico, vero tallone d'Achille per il sindaco Leonardo Michelini. Giovedì incontro tra dem e civici e la prossima settimana dovrebbe concretizzarsi il tanto atteso e annunciato vertice di maggioranza col sindaco.

ADimensione Font+- Stampa

Quindici giorni per ritrovare l’unità, questa la sfida che riguarda l’amministrazione Michelini. Mangiata la colomba, traguardo fino a poche settimane fa non certo scontato, i vari pezzi dell’attuale maggioranza sono chiamati ad attivare sul serio un lavoro di ricucitura.

Sarà questa una settimana centrale, proprio per cercare di centrare il bersaglio. Due i momenti centrali che da qui al prossimo fine settimana saranno affrontati. Si comincia oggi, con in agenda un incontro tra i consiglieri e gli assessori del Partito Democratico. Tutti intorno a un tavolo dovranno lavorare di fioretto alla costruzione di un accordo.

Se riusciranno a uscire indenni giovedì è dato come il giorno buono per sedersi insieme ai civici, l’altra metà del cielo micheliniano e costruire una road map da portare avanti. L’orizzonte è il 30 aprile, giorno entro il quale dovrà essere approvato il bilancio 2016. Salvo ulteriori proroghe, che dovranno essere decise dal governo centrale.

La prossima settimana invece dovrebbe tenersi il tanto annunciato vertice di maggioranza, a cui dovrà essere presente anche Leonardo Michelini. Il primo consiglio sulla carta è fissato per il 7 aprile, ma si tratta di un consiglio straordinario per affrontare la questione del referendum sull’acqua saltato.

Il primo consiglio vero è il 12 aprile, con la spinosa questione della decadenza. Il 14 una nuova seduta. Il clima continua a non essere dei migliori e l’atteggiamento psicologico diffuso sembra essere quello della rassegnazione. L’idea più realistica sembra essere quella di tirare a campare, cercando di portare a casa qualche risultato, fino alla finestra elettorale del maggio 2017.

Decarta racconta la Tuscia