“Omosessuali vs gay” e le follie nella pagina del comitato “Sì alla famiglia”.

“Omosessuali vs gay” e le follie nella pagina del comitato “Sì alla famiglia”.

Amore? Carità cristiana? Macché! Incitazione all'odio. Dal giorno dopo l'approvazione del registro per le coppie di fatto in consiglio comunale a Viterbo si è assistito ad uno spettacolo indecente da parte del comitato Sì alla famiglia.

ADimensione Font+- Stampa

ad8f343e86129e542b1a510f59a2df02Amore? Carità cristiana? Macché! Quasi incitazione all’odio. Dal giorno dopo l’approvazione del registro per le coppie di fatto in consiglio comunale a Viterbo si è assistito ad uno spettacolo indecente: dalla pagina Facebook del “Sì alla famiglia” locale è arrivato un continuo atteggiamento di sfida al buon senso.

Certo si può essere contro, si possono avere idee diverse da quelle della maggioranza, si può criticare il metodo, ci mancherebbe altro! Però non si può arrivare alle liste di proscrizione, alla mancata censura di commenti a dir poco preoccupanti. Tutto ciò dopo il comunicato stampa con i nomi dei consiglieri che si sono “macchiati” di aver votato per il presente e non per il passato remoto.

Sulla pagina Facebook del “Sì alla famiglia” si è arrivati a tanto. Ho personalmente anche scoperto (senza capirla) che esiste una dicotomia tra l’essere omosessuali e l’essere gay. Prima però di farvi leggere alcune delle frasi di cui vi ho parlato invito il comitato “Sì alla famiglia” di aggiungere anche il mio nome alla prossima lista di proscrizione.

 

“Questa è la presidente della commissione che si è occupata del registro delle coppie di fatto a Viterbo: si chiama Melissa Mongiardo ed è del PD”. [Con tanto di condivisione della foto della consigliera]

“Questo cadavere ambulante avrà quello che si merita, a meno che non si converta, ma anche in questo caso, dovrà fare molta molta molta penitenza”.  [commento su un post a me poco chiaro, ma comunque preoccupante]

“Grazie di cuore a Mario, Andreina e Massimiliano che ci hanno scritto, ringraziandoci: sono omosessuali e non gay.” 

  • Rossella De Paola

    Vorrei far notare che, a fronte di centinaia e centinaia di mail propagandate contro il registro, su quella pagina fb (con circa 300 iscritti), i likes ai post sono zero o non più di uno o due. Matematicamente parlando, qualcosa non quadra…