Nonostante le 10 realtà che la sostengono, Luisa Ciambella sembra più sola che mai

Nonostante le 10 realtà che la sostengono, Luisa Ciambella sembra più sola che mai

Da quanto scrive la coalizione, le liste potrebbero essere tante, ma l’impressione è che il vuoto lasciato da chi se ne è andato, sia più grande di quanto si voglia lasciare intendere.

ADimensione Font+- Stampa

Si preannuncia una battaglia lunga e difficile quella del Partito Democratico e dei suoi alleati per le prossime elezioni comunali di Viterbo. Dopo aver perso l’appoggio del cuore di Moderati e Riformisti e dei principali portatori di voti della lista erede di Oltre Le Mura, Luisa Ciambella prova a farsi vedere forte.

Da quanto scrive la coalizione, le liste potrebbero essere tante, ma l’impressione è che il vuoto lasciato da chi se ne è andato, sia più grande di quanto si voglia lasciare intendere.

Partito Socialista Italiano, i Socialisti democratici, l’associazione la voce dei giovani viterbesi, l’area ecologista, i responsabili di Centro solidale della provincia di Viterbo, i responsabili di associazioni cattoliche, nonché i rappresentanti della lista civica e del gruppo promotore della civica di sinistra e i nuovi MoRi non sembrano infatti capaci di spostare gli equilibri.

Luisa Ciambella sembra più sola che mai, abbandonata dai compagni di giunta e consiglieri comunali dei MoRi, grandi portatori di voti e preferenze, e poco certa del sostegno di mezzo PD e di un’altra metà della maggioranza in Consiglio e Giunta. Poco servirà l’impegno di Leonardo Michelini nella campagna elettorale, che sembra più intenzionato a difendere il proprio operato che spingere la candidatura di Luisa Ciambella.

Si parte dalla valorizzazione del “lavoro straordinario svolto dall’amministrazione comunale uscente”. Non poteva dire diversamente, ma per iniziare una campagna elettorale per le prossime elezioni comunali di Viterbo sembra davvero poca roba. C’è tempo poco più di una settimana per cercare di ribaltare il quadro, presentare candidature solide e ricomporre il Partito Democratico. Non sarà facile.