Natale agro, 100 lavoratori di Acquapendente passeranno le feste senza soldi

Natale agro, 100 lavoratori di Acquapendente passeranno le feste senza soldi

Una bruttissima storia di Natale quella che si sta scrivendo dalle parti di Acquapendente. Travolge la vita di cento lavoratori e quindi spariglia come birilli altrettante famiglie. Sono i dipendenti della cooperativa Tuscia Sociale ed Elce, che gestiscono l’impianto di raccolta e trattamento dei rifiuti.

ADimensione Font+- Stampa

Una bruttissima storia di Natale quella che si sta scrivendo dalle parti di Acquapendente. Travolge la vita di cento lavoratori e quindi spariglia come birilli altrettante famiglie. Sono i dipendenti della cooperativa Tuscia Sociale ed Elce, che gestiscono l’impianto di raccolta e trattamento dei rifiuti.

“A oggi devono ancora percepire gli stipendi di ottobre e novembre – interviene Luciano Perà Fp-Cgil -. Questa situazione sta destando la massima preoccupazione in Cgil e in primis ai lavoratori, i quali dovranno passare le festività natalizie senza soldi, pur avendo svolto il proprio lavoro sempre con la massima dedizione. Chiediamo dunque alle autorità locali, sindaco e Comunità Montana, di intervenire ognuno con i propri mezzi affinché si sblocchi al più presto questa incresciosa situazione, prima che la Cgil e i lavoratori scendano a manifestare in piazza”.

Banner
Banner
Banner