Museo del Sodalizio, i facchini pronti a trovare un’altra sede non del Comune?

Museo del Sodalizio, i facchini pronti a trovare un’altra sede non del Comune?

Museo del Sodalizio, secondo indiscrezioni i facchini sarebbero pronti a trovare un'altra sede rispetto all’attuale di proprietà del Comune.

ADimensione Font+- Stampa

Un nuovo capitolo nel divario tra Comune di Viterbo e Sodalizio dei facchini sembrerebbe destinato ad aggiungersi. Secondo indiscrezioni i facchini punterebbero a superare l’attuale sede del Museo del Sodalizio, di proprietà di Palazzo dei Priori. I rapporti tra le due importanti realtà cittadine non sono dei migliori e anche la sede del Museo è stata complice nell’inasprirli.

In effetti il Comune di Viterbo non ha brillato negli anni nella regolamentazione del proprio rapporto con il Sodalizio nella gestione del bene. Tanto che i facchini si sono visti costretti, sia in epoca Marini che recentemente con Michelini, a chiudere la porta del Museo.

Inoltre gli ambienti non sono più adatti a ospitare uno spazio espositivo sul trasporto, realtà viterbese che sta diventando sempre più importante e si configura, dopo il riconoscimento Unesco, come elemento di richiamo turistico forte per il capoluogo della Tuscia.

Al momento non è dato sapere di più su questa partita.