Museo Civico, Alberto Miralli: “Poche opere come la Pietà. I musei vanno riempiti, non svuotati”

Museo Civico, Alberto Miralli: “Poche opere come la Pietà. I musei vanno riempiti, non svuotati”

Alberto Miralli "Togliere dal Museo Civico le due opere di Del Piombo secondo me è una follia. I musei vanno riempiti e non svuotati".

ADimensione Font+- Stampa

“I musei vanno riempiti, non svuotati”. A prendere parola è del gallerista viterbese Alberto Miralli.  Il tema è quello del rilancio del Museo Civico di Viterbo, che rischia di essere affossato completamente dal trasferimento delle opere di Sebastiano Del Piombo sotto i portici di Palazzo dei Priori. Decisione che era stata presa ai tempi di Viva Viterbo in maggioranza, ancora non attuata, e tornata all’ordine del giorno dopo le dichiarazioni di Filippo Rossi indignato per il prestito delle sale alla Prefettura.

“Conosco poche opere che possano eguagliare la Pietà di Sebastiano del Piombo – dice Alberto Miralli – È la sua bellezza così poco religiosa e più popolana. Togliere dal Museo Civico le due opere secondo me è una follia. I musei vanno riempiti e non svuotati”.

Le due opere di Del Piombo, La Pietà e La Flagellazione, potrebbero infatti essere spostate, ma prima dovranno essere messi a norma i portici di Palazzo dei Priori, che nel frattempo dovrebbero essere utilizzati dalla Prefettura di Viterbo per dare più spazio agli uffici immigrazione.