Le notizie da Viterbo e dalla Tuscia

Moltoni: “Hanno cercato di screditarmi con la decadenza ma sono pronto a lavorare per la mia Viterbo, partendo dal ritorno della grande musica”

Moltoni: “Hanno cercato di screditarmi con la decadenza ma sono pronto a lavorare per la mia Viterbo, partendo dal ritorno della grande musica”

"Riparto da qui, dalla candidatura a consigliere per mettermi al servizio della città che amo". Francesco Moltoni beve un ginseng. Tavolo di un bar, periferia di Viterbo. E' un tranquillo pomeriggio di quasi estate, la "faccendaccia" della decadenza è ormai alle spalle. Archiviata, un fatto del passato. 

ADimensione Font+- Stampa

“Riparto da qui, dalla candidatura a consigliere per mettermi al servizio della città che amo”. Francesco Moltoni beve un ginseng. Tavolo di un bar, periferia di Viterbo. E’ un tranquillo pomeriggio di quasi estate, la “faccendaccia” della decadenza è ormai alle spalle. Archiviata, un fatto del passato. 

Nei mesi scorsi, e per lungo tempo, i colleghi di consiglio hanno provato in ogni modo a buttarlo fuori. Lui ha resistito, il tribunale ha sentenziato che aveva ragione a voler rimanere. “Però quanto accaduto mi ha danneggiato seriamente, ha bloccato di fatto il mio operato di consigliere. Cerco un riscatto con una nuova candidatura, credo che Arena possa essere un buon sindaco e la squadra che abbiamo costruito è forte”. E’ tranquillo Moltoni. 

“Ricomincio da qui, da questa nuova possibilità di tornare a fare parte del Consiglio Comunale. Per me è stato un periodo difficile, dove certa politica e certa stampa hanno fatto di tutto per cercare di mettermi fuorigioco. I tribunali hanno stabilito che avevo ragione. A questo punto ho ritenuto importante candidarmi per continuare a mettermi al servizio della mia città e ribadire quella dignità che qualcuno ha purtroppo tentato di infangare. Con passione e determinazione metto a disposizione la mia conoscenza della macchina amministrativa e relazioni che ho saputo costruire e sviluppare”.

Ricorderanno i lettori de La Fune tutta la complicata vicenda della decadenza. Questo giornale assunse una posizione garantista, intuendo e immaginando l’epilogo che poi c’è stato. Ma soprattutto non prestandosi alla battaglia politica fatta contro Moltoni dalla maggioranza per ragioni squisitamente numeriche. 

“Voglio ripartire annunciando che mi piacerebbe molto essere eletto per tornare a impostare un lavoro di cui già mi sono occupato negli anni Novanta e primi Duemila: eventi di grande musica in città – spiega Moltoni -“.

Fu lui a portare al Palazzetto dello Sport Pino Daniele, Articolo 31, Ligabue, Gino Paoli, Antonella Ruggero, 883, Fabrizio De Andrè, Morandi e Renato Zero e molti altri. Venne anche il Festivalbar. “Iniziative simili sono importanti per i nostri ragazzi ma anche per l’immagine e l’economia del territorio. Viterbo è una città che deve tornare a divertirsi”. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031