Moltoni: “Barelli disturbatore seriale: Ciorba faccia rispettare il regolamento del Consiglio”

Moltoni: “Barelli disturbatore seriale: Ciorba faccia rispettare il regolamento del Consiglio”

Il consigliere del Gal Francesco Moltoni è intervenuto ieri in diretta radio a Sbottonati ed è tornato a parlare dell’affaire Barelli chiedendo al presidente del Consiglio Marco Ciorba e al sindaco di Viterbo Leonardo Michelini di intervenire.

ADimensione Font+- Stampa

“Barelli è un disturbatore seriale e le sue scuse non servono a nulla. Il suo comportamento non si può derubricare a semplice intemperanza comportamentale”. Il consigliere del Gal Francesco Moltoni è intervenuto ieri in diretta radio a Sbottonati ed è tornato a parlare dell’affaire Barelli chiedendo al presidente del Consiglio Marco Ciorba e al sindaco di Viterbo Leonardo Michelini di intervenire. L’assessore al turismo del Comune di Viterbo, Barelli, è finito al centro delle polemiche in seguito ad una violenta lite, così la raccontano i presenti, scoppiata con il consigliere di minoranza.

Barelli, durante l’ultimo Consiglio comunale in seguito ad una interrogazione fatta da Moltoni in merito al pagamento o meno dell’occupazione del suolo pubblico del Festival Caffeina, avrebbe dato in escandescenza offendendo Moltoni facendo riferimento a sue vicende personali tra cui anche il debito con il Comune per la nota vicenda Cev, ovvero vicende che non avevano collegamento con le interrogazioni fatte da Moltoni. “Io stavo nei banchi dove posso stare perché sono stato eletto – dice Francesco Moltoni – e ricordo che il regolamento non consente agli assessori di intervenire se non chiamati in causa e questa è una norma del Consiglio che non viene fatta rispettare dal Presidente. Gli assessori non possono intervenire e Barelli è stato nominato”.

Secondo il consigliere del Gal “siamo di fronte a un disturbatore seriale. Una persona che ripetutamente ci molesta in Consiglio comunale: succede svariate volte in ogni Consiglio. Quindi dico – aggiunge – che va fatto rispettare il regolamento dal presidente Marco Ciorba e lancio un appello al sindaco Leonardo Michelini che si faccia portatore di questa istanza. Il Consiglio è un luogo istituzionale importante: ci deve esser rispetto. Ma sono sicuro che Michelini non faccia niente, è un muro di gomma”.

Moltoni infine parla del caso Caffeina, che ha scatenato la lite. Il Festival diretto da Filippo Rossi, che è anche consigliere comunale di maggioranza, che ha già “prenotato” grande parte del centro storico per le prossime festività natalizie. “Barelli è un provocatore e scatta a molla ogni volta che si parla di Caffeina: con o senza motivo? Perché lo fa? È mai stato risolto il problema del conflitto di interessi? Io dico – conclude Moltoni che è anomalo che da qui a 10 mesi si conceda tutto il centro e lo si monopolizzi così, impedendo a chiunque di partecipare alla vita sociale e culturale della Città, senza fare un bando o un avviso pubblico”.