Minchella: “Il Sindaco si faccia garante dell’emergenza, il Comune deve governare il fenomeno”

Minchella: “Il Sindaco si faccia garante dell’emergenza, il Comune deve governare il fenomeno”

“Quel che manca è una rete seria che possa dar risposte a questo tipo di emergenze. Il comune deve fare la sua parte, ma deve mettersi nella rete tenendo la governance realizzando progetti Sprar. Sennò con questo genere di appalti poi c’è il delirio. Il Sindaco deve farsi garante di questo stato emergenziale”.

ADimensione Font+- Stampa

“Il messaggio che è passato non era corretto, i sammartinesi non sono razzisti. Il Sindaco si faccia garante dell’emergenza”. È questa la motivazione che avrebbe spinto molti nel paese a non partecipare alla manifestazione organizzata da alcuni cittadini e alla quale ha aderito il centrodestra locale insieme ad esponenti di Casa Pound, Unione della Tuscia e Viterbo Civica. Almeno secondo Martina Minchella, consigliera democratica (e sammartinese) del Comune di Viterbo.

“Il messaggio che è stato mandato – specifica la consigliera – o come è stato percepito non era corretto, i sammartinesi non sono razzisti. Il manifesto in una frase nascondeva una complessità che non si può sintetizzare in due parole. Anche le parole spese durante la manifestazione non erano chiare. Di fatto non si sa nulla e ci sono solamente voci di popolo e quindi è riduttivo fare discussione con solo questi elementi”.

Poi sul da farsi. “Quel che manca è una rete seria che possa dar risposte a questo tipo di emergenze. Il comune deve fare la sua parte, ma deve mettersi nella rete tenendo la governance realizzando progetti Sprar. Sennò con questo genere di appalti poi c’è il delirio. Il Sindaco deve farsi garante di questo stato emergenziale”.

Natale Viterbo