Migranti, Michelini: “Come la Macchina di Santa Rosa, facciamo la nostra parte nelle regole”

Migranti, Michelini: “Come la Macchina di Santa Rosa, facciamo la nostra parte nelle regole”

Il tema è sollevato in Consiglio comunale da alcune interrogazioni rivolte dalla minoranza di centrodestra. Chiara Frontini, Luigi Buzzi, Giulio Marini e Gianmaria Santucci, ma anche da Martina Minchella che vuole rassicurazioni su San Martino dove potrebbero arrivare 60 migranti in un albergo.

ADimensione Font+- Stampa

“Vogliamo fare la nostra parte, ma nelle regole”. Il sindaco di Viterbo mette il punto sul Campo all’ex fiera, ma l’opposizione non è contenta: “Sempre le stesse parole”. Il tema è sollevato in Consiglio comunale da alcune interrogazioni rivolte dalla minoranza di centrodestra. Chiara Frontini, Luigi Buzzi, Giulio Marini e Gianmaria Santucci, ma anche da Martina Minchella che vuole rassicurazioni su San Martino dove potrebbero arrivare 60 migranti in un albergo.

“L’accoglienza non può essere fatta come all’ex fiera o come a San Martino. Però noi vogliamo fare la nostra parte – ha aggiunto – questo è come la Macchina di Santa Rosa, dobbiamo portare questo fardello tutti insieme, nel rispetto delle regole”. E le regole sono soprattutto le percentuali. Secondo le direttive del Ministero degli Interni i Comuni non dovrebbero avere nel proprio territorio più di 2,5 ogni mille abitanti. Secondo Michelini poi “è indispensabile il coinvolgimento dei migranti in lavori socialmente utili. L’ho già detto al nuovo Prefetto”.

Soddisfatta della risposta Martina Minchella, meno l’opposizione. “I cittadini – dice Luigi Buzzi (FdI) fanno bene a ribellarsi, l’accoglienza non può essere un’occasione di profitto”. “All’ex Fiera sono chiusi dietro un cancello chiuso da fuori, questa – spiega Gianmaria Santucci (FondAzione) – non è una idea di accoglienza”. “Michelini ripete sempre le stesse parole. Lei è per accoglienza diffusa, ma continuiamo a subire campi. Cittadini protestano e non possiamo non stupirci di eventuali manifestazioni poco civili. Serve una posizione netta del Consiglio”.

Banner
Banner
Banner