Michelini: “C’è il posto dell’ottavo assessore che è libero e spetta ai civici”

Michelini: “C’è il posto dell’ottavo assessore che è libero e spetta ai civici”

Leonardo Michelini ha risposto alle domande di Sbottonati ieri mattina chiarendo la posizione del primo cittadino. Una posizione che cinque mesi fa aveva aperto alla lunga crisi: una poltrona da assessore da riempire e da assegnare a un civico.

ADimensione Font+- Stampa

Il sindaco apre al rimpasto: “C’è un posto libero e spetta ai civici”. Leonardo Michelini ha risposto alle domande di Sbottonati ieri mattina chiarendo la posizione del primo cittadino. Una posizione che cinque mesi fa aveva aperto alla lunga crisi: una poltrona da assessore da riempire e da assegnare a un civico.

 

 

Sindaco, è riuscito a ricompattare la maggioranza..

“Lo ha fatto il bilancio che ha reso tutti soddisfatti, almeno la maggioranza”.

 

Si parla già di rimpasto: cosa c’è di vero?

“La mia posizione l’ho espressa già cinque mesi fa: c’è il posto dell’ottavo assessore che spetta ai civici, ma aspetto che la maggioranza decida di comune accordo senza smagliature”.

 

Una delega all’ambiente?

“Non solo. C’è anche l’illuminazione pubblica, l’igiene urbana e gli impianti tecnologici”.

 

E lo sport?

“Ci sarà una delega ad un consigliere comunale”.

 

L’assessore Alvaro Ricci sarà disponibile a tempo pieno da agosto, cosa ne pensa?

“Benvenga”.

 

Si parla di allargamento di deleghe a Ricci?

“Non è un argomento all’ordine del giorno. Mi auguro che la squadra vada avanti e che la maggioranza si rafforzi sulle prospettive di bilancio che, anche se non è grasso, ci consente di portare a compimento lavori che abbiamo programmato a fine anno: poca politica, molta amministrazione”.

 

I tempi del rimpasto quali possono essere?

“Ancora non se ne è parlato e non credo la maggioranza lo abbia fatto. Ora mi interessa l’amministrazione, quando sono entrato in politica ho sbagliato anche se in buona fede. Voglio essere giudicato su quel che faccio e criticato su quel che non faccio. Nessuno deve fare l’assessore per dispetto, ma con passione”.