Mezzo trasporto disabili per Civita, Visini: “Questa città ha saputo attuare un pezzo della Costituzione italiana”

Mezzo trasporto disabili per Civita, Visini: “Questa città ha saputo attuare un pezzo della Costituzione italiana”

Bigiotti: “Il lavoro sullo sviluppo turistico ci permette di investire in maniera significativa sul sociale”. Bizzarri: “La cosa più bella sarà coinvolgere altri ragazzi con disabilità nella gestione”

ADimensione Font+- Stampa

Anche le persone con gravi disabilità motorie potranno godere della bellezza di Civita. Quella che può sembrare una barriera architettonica impossibile, il lungo ponte che collega il gioiello dei Calanchi al resto di Bagnoregio, è stata abbattuta.

Questa mattina un grande momento di festa alla Casa del Vento. Qui Comune di Bagnoregio, la sezione locale della Croce Rossa e l’associazione Juppiter hanno dato appuntamento a cittadini e turisti per la benedizione del mezzo speciale. Un Viking Yamaha, acquistato grazie agli incassi dell’ultima edizione del Presepe Vivente. Presente all’importante incontro l’assessore regionale alle Politiche Sociali Rita Visini. “Questa città ha saputo attuare un pezzo della Costituzione italiana, esattamente quanto scritto nell’articolo tre. Articolo che parla dello Stato come strumento di rimozione degli ostacoli alla piena realizzazione dell’essere umano”. Questo il bel commento dell’assessore Visini.

“E’ molto importante questo mezzo e il messaggio che da qui viene lanciato. Un messaggio di inclusione, di attenzione per le difficoltà. Questo fa di voi una comunità più ricca”. Entusiasta il sindaco Francesco Bigiotti: “Quello di oggi è un ulteriore tassello nel percorso che stiamo facendo per una crescita del territorio. Con grande attenzione allo sviluppo turistico che si traduce in lavoro, meno tasse e attenzione forte per il sociale”. Soddisfazione da parte del presidente della Croce Rossa Stefano Bizzarri: “Realizziamo un sogno che abbiamo condiviso e concretizzato con l’amministrazione comunale. La cosa più bella è che è nelle nostre intenzioni gestire il servizio coinvolgendo altri ragazzi disabili”.

Presente all’incontro anche il presidente provinciale della Croce Rossa Marco Sbocchia e tantissimi volontari della Croce Rossa.