“Meglio un vaffanculo subito”

“Meglio un vaffanculo subito”

FIlippo Rossi dove finirà? Speculazioni sulle speculazioni altrui. Abbiamo sondato con i "civici" quel che potrebbe accadere.

ADimensione Font+- Stampa

rossi barelli

 

Filippo Rossi è in fuga da Viva Viterbo e cerca un approdo in altri lidi? È quel che scrivono diversi commentatori politici locali in questi giorni in seguito alle sue dichiarazioni contro le politiche culturali dell’amministrazione Michelini rilasciate in quarta commissione (leggi qui). Sembrerebbe che Rossi stia cercando un nuovo lido verso il quale approdare.

Evocativa in questo senso sembrerebbe l’immagine condivisa in queste ore su Facebook dal presidente del Consiglio e fondatore di Viva Viterbo che recita così. “Aspetti, temporeggi, pazienti, dai una possibilità, a volte due, dubiti, tentenni, comprendi, capisci, sorridi, ascolti, quando poi ti rendi conto che era sufficiente un vaffanculo subito”. Un vaffanculo a chi? Abbiamo così cercato di capire dove potrebbe andare Filippo Rossi. All’opposizione, dicono da più parti, in una una delle liste civiche.

 

Schermata 2015-01-19 a 17.07.56

 

In Consiglio, escluso il Movimento 5 Stelle, sono due: Fondazione, leggi Gianmaria Santucci, e Viterbo 2020, leggi Chiara Frontini. Entrambi allontanano ogni ipotesi. Il primo. “Non verrà mai, l’unica volta che ci ho parlato, era presente anche Barelli e tra i due il più critico era proprio Barelli. Cosa succede dentro Viva Viterbo non lo so, vi direi di chiederlo a loro, ma so che non vi rispondono. Comunque se uno si vuole iscrivere siamo pronti, accetterei anche Michelini”. Insomma i contatti sembrerebbero non esserci stati.

Netto sembra anche il no di Chiara Frontini, che se la cava con una battuta: “lui è alto e ingombrante invece io sono piccina, quindi sarebbe difficile trovare un equilibrio”. Da dentro a fuori il Consiglio comunale. Ci viene in mente un suo vecchio amico: Lucio Matteucci di Viterbo Civica. Un movimento nato dalla delusione maturata successivamente al ballottaggio nel quale Filippo Rossi decise per l’apparentamento con Leonardo Michelini. “È un anno e mezzo che non lo sento, se vuole la tessera benvenga, come benvengano tutti, ma se con questa mossa pensa di rifarsi una verginità, non so in quanti possano ricredersi”. Insomma ennesimo “meglio di No”.

Rimane solo una lista civica da sondare, è di centrodestra e sta in maggioranza, anche se probabilmente l’ipotesi più valida rimane quella della sua permanenza dentro Viva Viterbo. Se così non fosse, però, non è che sotto sotto Filippo Rossi tra le tante liste civiche, non abbia scelto Oltre le Mura? Ce lo siamo chiesti e glielo vorremmo chiedere. Ma come ormai sanno anche i muri, al nostro telefono non risponde.