Mauro Rotelli nominato digital champion della Tuscia

Mauro Rotelli nominato digital champion della Tuscia

Anche la Tuscia ha il suo digital champion e si chiama Mauro Rotelli. Tra i fondatori del festival di cultura digitale Medioera ha ricevuto l'incarico da Riccardo Luna, nominato da Renzi per digitalizzare il Paese.

ADimensione Font+- Stampa

Anche la Tuscia ha il suo digital champion. Una figura di cui si sa poco, anzi troppo poco. Una figura di cui sentiremo parlare parecchio nei tempi a venire. E il campione digitale del Viterbese risponde al nome di Mauro Rotelli. Più noto per la sua militanza politica è una delle figure che più si è data da fare alle nostre latitudini per mettere in circolo il verbo della rivoluzione digitale. Rotelli è infatti parte della squadra di giovani viterbesi che ha inventato e che dal 2008 ha sostenuto con impegno, passione e risultati il festival di cultura digitale Medioera.

Il digital champion è una carica istituita dall’Unione Europea nel 2012, in buona sostanza si tratta di un ambasciatore dell’innovazione. Ogni Paese ne ha uno, con il preciso incarico di rendere i propri cittadini digitali. Fanno eccezione Regno Unito, che ha trasformato il ruolo virandolo sui temi della digital economy, e l’Estonia, dove l’incarico lo svolge il presidente della Repubblica. Il governo Renzi ha affidato il compito per l’Italia a Riccardo Luna. Giornalista, esperto di nuove tecnologie e direttore della nota rivista Wired Italia.

È stato Luna a puntare sulla nomina di campioni digitali a livello provinciale e due settimane fa ha spedito una lettera d’incarico a Rotelli. L’obiettivo è di costruire una rete, condividere buone pratiche e di segnalare, ogni giorno, le cose che non vanno nella dimensione digitale. Tutto per portare avanti la speranza di far pesare di più il digitale nell’agenda politica. Il compito della rete dei digital champion è di rendere i propri cittadini ”digitali”.

Il primo banco di prova per Rotelli è atteso a giorni. Il 31 marzo diventa obbligatorio per tutte le realtà che prestano servizi per le pubbliche amministrazioni locali l’utilizzo della pec, della firma digitale e della conservazione elettronica delle fatture in modalità sicura per 5 anni. Il digital champion viterbese parteciperà il 2 marzo a un incontro di formazione nazionale presso la Camera di Commercio di Roma. Il 9 marzo si svolgerà invece in tutto il Paese il “Digital Day” su questi argomenti e l’appuntamento dovrà essere tenuto anche nella città dei papi.

“Per me è una grandissima soddisfazione e farò di tutto per mettere in piedi un buon lavoro sul territorio – ha dichiarato il diretto interessato -. Quella del digitale è la vera grande scommessa per la crescita e il futuro di ogni territorio”.