Marciapiedi da incubo – Via Alessandro Volta, bentornati a scuola cari ragazzi

Marciapiedi da incubo – Via Alessandro Volta, bentornati a scuola cari ragazzi

Via Alessandro Volta. Quartiere Pilastro, popolosa zona molto vicina al centro cittadino servita da numerosi negozi, scuole, spazi verdi e il solito affezionato traffico.

ADimensione Font+- Stampa

Via Alessandro Volta. Quartiere Pilastro, popolosa zona molto vicina al centro cittadino servita da numerosi negozi, scuole, spazi verdi e il solito affezionato traffico.

Quartiere che non brilla di certo per bellezza architettonica, un po’ a metà strada tra il fuori e il dentro Viterbo. Una comoda scorciatoia abitata da moltissime famiglie.

Abbiamo detto scuole, scuole elementari di quartiere per la precisione. Portarci i bambini a piedi, è il lavoro principale di moltissime mamme soprattutto i primi giorni quando il grembiulino è nuovo, la cartella è piena di quaderni colorati e i colori sono riposti in maniera ordinata nell’astuccio. Portare i propri figli a scuola a piedi non sempre si rivela una missione facile: entrano qui in scena i nostri amici marciapiedi che anche nel quartiere Pilastro fanno la loro “porca figura”.

Di fronte la scuola elementare che prende il nome dall’omonima via, la situazione è quella che stiamo riscontrando ormai da giorni in tutta la città, con l’aggravante che lì davanti passano e ripassano decine e decine di bambini che non dovrebbero preoccuparsi di dove mettere i piedi.

Manto stradale dissestato, buche ed erbacce accolgono i fanciulli i primi giorni e li accompagnano fino in quinta elementare. Questa volta, il posto per camminare in due sul marciapiede c’è, ma la scelta migliore resta comunque quella di camminare in fila indiana, anche solo per fare da apripista a chi viene dopo di noi.

I marciapiedi in tutta via Alessandro Volta, sono un grande patchwork a base di asfalto di vario colore usato per riempire le buche che i vicini alberi hanno contribuito a formare, immondizia che sosta lì indisturbata, aghi di pino che nascondono le insidie del terreno e due belle transenne di ferro che ormai su quel marciapiede hanno preso la residenza.

L’incuria ha rosicchiato lo smalto bianco delle strisce pedonali, i cestini in prossimità dell’entrata della scuola sono sempre pieni e i bordi dei marciapiedi crollano sotto il peso della trascuratezza. Chissà come sarà divertente, con i primi forti temporali autunnali, fare acqua planning su quei marciapiedi, si sa che le pozzanghere sono molto amate dai bambini. Gambe in spalla ragazzi e buon anno scolastico a tutti!

Natale Viterbo