Marciapiedi da Incubo – La “bellezza” di via Della Pila

Marciapiedi da Incubo – La “bellezza” di via Della Pila

I marciapiedi di Via della Pila ci mostrano il solito desolante panorama: asfalto devastato, bordi che crollano sotto il peso di piante morte che si decompongono, siepi di rovi che scendono sul marciapiede non si capisce bene da dove, ammassi incolti di vegetazione che si riversano fino al limite della carreggiata.

ADimensione Font+- Stampa

Via della Pila. Chi non è mai passato in questa strada, chi non ha mai parcheggiato la macchina nel grande parcheggio del leggendario e “abbandonato” Palazzetto dello Sport, chi non si è fermato almeno una volta a guardare la pittoresca fontana a forma di mappamondo che sopravvive su questa strada.

Via della Pila è sempre un grande via via di auto che corrono, di ragazzi che vanno a piedi a scuola nella vicinissima Via Cattaneo, ma è una strada che è frequentata soprattutto di pomeriggio da tante persone che, a piedi, si recano nella chiesa di San Leonardo Murialdo. Questa parrocchia è grande, frequentatissima da persone di tutte le età e arrivarci a piedi non è un gioco da ragazzi. L’ingresso da Via Monti Cimini è lo stesso un disastro.

I marciapiedi di Via della Pila ci mostrano il solito desolante panorama: asfalto devastato, bordi che crollano sotto il peso di piante morte che si decompongono, siepi di rovi che scendono sul marciapiede non si capisce bene da dove, ammassi incolti di vegetazione che si riversano fino al limite della carreggiata. Non cambia niente in Via della Pila, non migliora niente, non peggiora niente, tutto il solito piattume degradato che stiamo incontrando in tutta Viterbo. Soliti sacchetti di immondizia abbandonati, soliti fazzoletti di carta cristallizzati su quei marciapiedi, mai un cestino, mai nessuno che si sogni di “dare una pulita”.

A metà strada troviamo un centro polivalente frequentato da molti anziani del quartiere che trascorrono lì il pomeriggio a giocare a carte e ci viene in mente di chiedere se è facile percorrere a piedi quella strada, se quei marciapiedi sono comodi per passeggiare. Un’ospite del centro ci dice che chi ha difficoltà a camminare e si appoggia ad un bastone, spesso preferisce scegliere la carreggiata per camminare rischiando però di scontrarsi con le auto in transito. Non c’è niente da fare, anche Via della Pila finisce nella lista nera dei marciapiedi ad alto rischio ortopedia.