Marciapiedi da Incubo – “D’estate qui passeggiano le vipere”

Marciapiedi da Incubo – “D’estate qui passeggiano le vipere”

Via Ciro Menotti. Dopo la desolazione della piazza incontrata ieri in questa zona, un’altra ci aspettava dietro l’angolo. Non abbiamo fatto molta strada, giusto qualche passo verso il giardino pubblico di Via Carlo Cattaneo.

ADimensione Font+- Stampa

Via Ciro Menotti. Dopo la desolazione della piazza incontrata ieri in questa zona, un’altra ci aspettava dietro l’angolo. Non abbiamo fatto molta strada, giusto qualche passo verso il giardino pubblico di Via Carlo Cattaneo. Giardino pubblico appunto e quindi bambini, mamme con passeggini, anziani che riposano all’ombra e che escono da casa per fare due passi: via Menotti costeggia il parco dall’alto, ci si può parcheggiare e scendere verso il giardino attraverso le pratiche apposite scalette.

Di certo non si può arrivare al parco attraverso i marciapiedi di quella strada. E qui casca l’asino, come al solito. I marciapiedi di quella zona sono tutti uguali: niente buche ma asfalto completamente eroso dal tempo, immondizia, bordi franati e una quantità imbarazzante di erbacce che cospargono il manto stradale come il muschio nel presepe. Non foglie che potrebbero essere tolte con una passata di rastrello, ma piccoli arbusti che si stagliano nel bel mezzo del passo, vive, morte a seconda del caso e dell’anno di nascita su quel marciapiede.

Fermiamo un passante che sta per entrare a casa e chiediamo come è la situazione pulizia e soprattutto marciapiedi in quella zona: gentilmente il signore si ferma e ci racconta che quella zona è estremamente comoda e tranquilla, ma a piedi tutto è più complicato perché camminare su quella strada è difficile. I ragazzini che scendono a giocare, transitano sulla carreggiata e sono spesso costretti a spostarsi su vie limitrofe perché i marciapiedi e gli slarghi adatti a tirare due calci a un pallone, sono occupati da sterpaglie e sassi che non sono il massimo quando si parla di sicurezza.

Il signore ci racconta, a proposito, un aneddoto interessante: questa estate, colpevole il caldo africano e le folte fronde che vivono su quella strada, sono state segnalate delle vipere che indisturbate avevano deciso di andare ad abitare proprio su quei marciapiedi, nascoste e ben protette dall’incolta e indecente vegetazione che si
trova in via Menotti. Armati di mezzi di fortuna, i condomini di quei palazzi avevano risolto a modo loro la situazione tagliando, con le proprie forze e i propri mezzi, quelle piante e quei marciapiedi.

Bhè posto sicuro per far correre e giocare i nostri figli no? Posto adatto per far passeggiare il nostro cane o fare due passi con il nonno vero? Anche via Ciro Menotti non passa il test e viene segnata sulla lista nera dei marciapiedi da dimenticare.