Marasma leghista: tra ieri e sabato a Viterbo Bossi, Tosi e Volpi

Marasma leghista: tra ieri e sabato a Viterbo Bossi, Tosi e Volpi

L’incontro e i distinguo tra Leghe non hanno sosta: da Bossi a Tosi e Volpi passando per Salvini

ADimensione Font+- Stampa

IMG_9378L’incontro e i distinguo tra Leghe non hanno sosta: da Bossi a Tosi e Volpi passando per Salvini. Ieri sera al ristorante A Casa il fondatore della Lega Nord Umberto Bossi ha benedetto la Lega Federalista e Umberto Fusco insieme al capogruppo al Senato Gianmarco Centinaio e al vice Sergio Divina.

Un incontro quello con il secessionista Umberto Bossi, che è un unicum nella storia viterbese per un leader come lui e che conferma quanto il Carroccio stia cambiando impostazione: l’ambizione è ormai chiara, da movimento territoriale vuole diventare movimento nazionale. La cena di ieri precede gli appuntamenti di domani e sabato delle altre leghe viterbesi a Roma e Viterbo.

A Roma dove Matteo Salvini domani farà gli auguri di Natale e probabilmente riaprirà il discorso sulla Lega dei Popoli, progetto arenatosi improvvisamente nelle settimane scorse. Dovrebbe infatti essere lanciato un nuovo coordinamento nazionale dei movimenti localistici, tutti sono un unico simbolo. Qui saranno presenti anche Umberto Fusco in rappresentanza di Lega Federalista e il fondatore dell’Unione della Tuscia Umberto Ciucciarelli “perché – specifica a La Fune – non siamo leghisti, ma salviniani sì”.

A Viterbo invece l’appuntamento è per il Movimento Patriae per il primo pomeriggio, sempre di domani, con Flavio Tosi (per una conferenza stampa). In questo caso assenti sia Unione della Tuscia che Lega Federalista. L’Unione della Tuscia si riunirà infine per un incontro sabato, sempre a Viterbo. Dovrebbe essere presente il vicepresidente dei senatori leghisti Raffaele Volpi, salvo emergenze a Palazzo Madama.

Quel che emerge da tutti questi appuntamenti prefestivi, è che la geografia politica di questo marasma leghista a Viterbo non sia di facile lettura. I tre movimenti vicini a Matteo Salvini e alla Lega, hanno obiettivi e politiche simili e sono difficili da distinguere l’uno dall’altro. Ci sono delle diversità, ma sono tali da giustificare ben tre organizzazioni?