Mammagialla, un sovraffollamento di 160 detenuti

Mammagialla, un sovraffollamento di 160 detenuti

Secondo i dati forniti dalla Cisl, nel carcere di Mammagialla a Viterbo il sovraffollamento riguarda 160 unità: 432 è infatti la capienza massima del carcere, ma attulmente i detenuti sono 592.

ADimensione Font+- Stampa

”Continuano ad aumentare i detenuti nel Lazio: rispetto al mese scorso, infatti ne risultano 83 più”. Lo annuncia il segretario regionale della Cisl Fns, Massimo Costantino.

”Il dato al 30 novembre del sovraffollamento risulta essere di 910 detenuti – aggiunge -, considerato che 6147 risultano essere i detenuti reclusi nei 14 istituti del Lazio, rispetto ad una capienza regolamentare prevista di 5237. Preoccupante risulta essere il dato delle case circondariali di Cassino, Frosinone e Latina; in crescita rispetto ai mesi precedenti in modo esponenziale i dati di Rieti, Civitavecchia, Rebibbia, Regina Coeli, Velletri e Viterbo”.

Secondo i dati forniti dalla Cisl, nel carcere di Mammagialla a Viterbo il sovraffollamento riguarda 160 unità: 432 è infatti la capienza massima del carcere, ma attulmente i detenuti sono 592.

”Per la Fns Cisl Lazio, pur apprezzando le nuove normative in tema di esecuzione penale, con l’istituzione del nuovo Dipartimento giustizia minorile e di comunità, i risultati concreti purtroppo tardano ad arrivare – conclude Costantino -. Occorre, altresì, in tutti gli istituti penitenziari del Lazio una maggiore consistenza effettiva di personale di polizia penitenziaria tale da coprire le reali esigenze degli istituti e ciò può realizzarsi solo mediante lo scorporo del personale in servizio presso servizio extra moenia dagli istituti penitenziari”.

Banner
Banner
Banner