Madonna della Quercia, un progetto per candidare la basilica a patrimonio materiale Unesco

Madonna della Quercia, un progetto per candidare la basilica a patrimonio materiale Unesco

Alla presentazione della manifestazione “La Quercia in Fiore” è stato anticipato il progetto per candidare il complesso monumentale.

ADimensione Font+- Stampa

Presso il complesso monumentale fervono i preparativi per la seconda edizione dell’iniziativa ‘La Quercia in Fiore’, occasione buona per lanciare la proposta cui don Massimiliano Balsi e la Pro loco, stanno lavorando.

Intanto l’iniziativa, dal 28 aprile al 6 maggio. “Allestiremo la gradinata della basilica – anticipa don Massimiliano – con una rilettura dello stemma di Viterbo. Nel primo chiostro riprodurremo un giardino rinascimentale all’italiana e quello grande sarà arricchito con installazioni floreali”.

“È prevista una mostra – continua don Massimiliano – con manoscritti e pergamene inediti, dall’archivio storico”.
“Il 30 aprile, poi, visita in notturna al complesso, dal chiostro al refettorio antico del Sangallo, di solito non visitabile, poi il museo degli ex voto. Un’iniziativa a costo zero, autofinanziata, per questo ringrazio Confartigianato e Andrea De Simone”.

La candidatura Unesco, invece, è un progetto su cui lavorare. Un progetto importante, che potrebbe rilanciare, soprattutto in chiave turistica, La Quercia, frazione bellissima e non ancora debitamente valorizzata.