Macchina, lo spettacolo apre giovedì agli Almadiani. Tanti gli appassionati in fibrillazione

Macchina, lo spettacolo apre giovedì agli Almadiani. Tanti gli appassionati in fibrillazione

Il sipario sull'esposizione dei progetti in gara per il concorso d'idee della nuova Macchina di Santa Rosa apre giovedì agli Almadiani. Grande attesa per mettere gli occhi su tutte le idee e progettualità che si sono confrontate nella competizione.

ADimensione Font+- Stampa

Nuova Macchina di Santa Rosa, tutti i progetti in gara in mostra agli Almadiani da questo giovedì. E’ la prova del pubblico, il battesimo del fuoco per tutti i 42 concorrenti dell’ultimo concorso d’idee indetto dal Comune di Viterbo per trovare l’erede di ‘Fiore del Cielo’.

Da giovedì mattina tutti i viterbesi potranno recarsi nella struttura di largo Benedetto Croce per posare gli occhi sui modelli passati in rassegna nel mese di gennaio dalla commissione guidata dal presidente e dirigente del settore Cultura di Palazzo dei Priori Stefano Menghini.

Tutti conoscono ‘Gloria’ (guarda il video), la Macchina di Raffaele Ascenzi che ha conquistato il primo posto. Una Macchina che ha incantato la giuria e convinto anche tanti viterbesi, che in questi giorni l’hanno commentata positivamente sui social network. Più o meno si è parlato anche della seconda e terza classificata, più defilati gli altri progetti.

Il momento degli Almadiani è quindi occasione per tutti per vedere da vicino le idee, la fantasia e il modo in cui gli oltre 40 partecipanti all’ultimo concorso hanno messo in campo. Un’esposizione di tecnica e devozione. L’alto numero dei concorrenti ha sottolineato quanto quella del “campanile che cammina” sia una tradizione forte e molto sentita nella città di Viterbo.

Palazzo dei Priori sta sistemando lo spazio espositivo e sta provvedendo all’istallazione dei 42 progetti. Ricordiamo che originariamente erano 46, ma 4 non hanno partecipato alla selezione per alcuni vizi di forma. Sui 42 ben 18 sono corredati di bozzetto, il modellino in scala della Macchina. Ancora poche ore d’attesa e poi l’ingresso allo spettacolo.